venerdì 24 ottobre 2014

Dimensione scientifica e orizzonte spirituale dell'umano alla PUSC


Domani il prof. P. Alberto Carrara, LC parteciperà alla seguente Giornata di Studio.
L’ISSR all’Apollinare – in collaborazione con il Progetto STOQ (Facoltà di Filosofia) – promuove una giornata di studiObiettivo della giornata è approfondire le due dimensioni dell'essere umano, quella corporea e razionale e quella spirituale e religiosa, con particolare attenzione a temi e ai problemi che i progressi delle scienze e della tecnica suscitano. Di particolare interesse la relazione delle 11:45L'uomo: anima e corpo. Dalla filosofia della mente alla rivoluzione delle neuroscienze del Prof. P. Juan José Sanguineti - Facoltà di Filosofia e ISSR all'Apollinare – PUSC.

giovedì 23 ottobre 2014

Elementi di neurobioetica - seconda lezione

Oggi pomeriggio, presso l'aula tesi dell'Ateneo Regina Apostolorum di Roma il prof. P. Alberto Carrara, LC ha concluso il primo modulo del corso opzionale di Elementi di Neurobioetica introducendo alla tematica gli studenti in sede e quelli collegati in teleconferenza da Bologna. Il prof. Carrara dopo aver presentato alcune delle più emblematiche definizioni di neuroetica, in particolare quella classica del politologo statunitense William Safire e quelle del "padre" delle neuroscienze cognitive Michael S. Gazzaniga, ha delineato le sfide di questa neo-disciplina riprendendo la classificazione quadripartita di Judy Illes:

mercoledì 22 ottobre 2014

Neurological improvement in stem transplantation

Abstract Cell Transplant. 2013;22(9):1591-612.Transplantation of autologous olfactory ensheathing cells in complete human spinal cord injury (vedi post precedente)

Darek, da staminali adulte a neuroni

di Alberto Carrara, LC *

È stato pubblicato oggi su La Repubblica, inserto R2-Scienza, a pagina 37, un interessante caso neurobioetico (risalente a circa un anno fa) a firma di Silvia Bencivelli. Il titolo dell’articolo dice così: “La sfida di Darek: torna a camminare con le staminali” e il titoletto in capo esplicita un pochino di più: “Dopo un autotrapianto di cellule, un pompiere bulgaro si è potuto rialzare. L’intervento ha ricotruito un ponte di fibre nervose a cavallo della lesione”.

venerdì 17 ottobre 2014

Elementi di neurobioetica - prima lezione

Ieri pomeriggio, presso l'aula tesi dell'Ateneo Regina Apostolorum di Roma ha preso avvio il corso opzionale di Elementi di Neurobioetica diretto dal prof. P. Alberto Carrara, LC con la collaborazione di esperti nazionali ed internazionali nell'ambito delle neuroscienze, della psichiatria, della filosofia e del diritto. 

Il corso è iniziato con un'introduzione alla tematica della neurobioetica che continuerà anche giovedì prossimo. Il prof. Carrara, dopo aver presentato con un esempio tratto dal dibattito della settimana scorsa tra neurodeterminismo in ambito di libertà umana e filosofia realista, è passato a presentare le domande neurobioetiche per eccellenza e una breve narrativa storica di questa neo-disciplina. 

Di seguito l'istantanea del video collegamento in teleconferenza Roma-Bologna.

mercoledì 15 ottobre 2014

È morto Giovanni Reale

di Alberto Carrara, LC *

Si è spento quest’oggi, a 83 anni nella sua casa di Luino in provincia di Varese, il grande filosofo italiano Giovanni Reale.

Molto probabilmente la sua ultima intervista-commento è quella pubblicata qualche giorno fa su La Stampa (venerdì 10 ottobre 2014, p. 29) ed intitolata: La filosofia non ci sta. “La libertà umana è un dato di fatto”. Giovanni Reale e Giacomo Marramao replicano al neurofisiologo Strata che nega il libero arbitrio.

Giovanni Reale, uno dei maggiori filosofi contemporanei, esperto in antichità, rispondeva la settimana scorsa su La Stampa alle provocazioni aperte sulle frontiere tra neuroscienze, filosofia e sistema giuridico.

La strana coppia mente-cervello – 1


di Alberto Carrara, LC *

È stato pubblicato di recente il libro del neurofisiologo e presidente dell’Istituto nazionale di neuroscienze e direttore del prestigioso EBRI, l’European Brain Research Institute, Piergiorgio Strata intitolato La strana coppia. Il rapporto mente-cervello da Cartesio alle neuroscienze. Oggi ne voglio iniziare la presentazione, riportando la breve sintesi e i principali aspetti che sono stati messi in luce grazie all’articolo di Claudio Gallo su La Stampa dello scorso giovedì 9 ottobre.

lunedì 13 ottobre 2014

Neuroetica, seminario semestrale - contenuti

La settimana scorsa abbiamo presentato l'apertura del corso semestrale 2014-2015 del seminario relativo alla Neuroetica diretto dal prof. P. Alberto Carrara, LC presso la Facoltà di Filosofia dell'APRA (Ateneo Pontificio Regina Apostolorum) di Roma.

Il corso a numero chiuso, che si è già riempito sin dal primo giorno utile all'iscrizione, comincia oggi, lunedì 13 ottobre dalla 15:30 alle 17:15 con un'introduzione alla materia, nella quale il prof. Carrara fornirà agli studenti una panoramica sintetica sulla neo-disciplina della Neuroetica

Di seguito vengono presentati gli autori e i testi che verranno letti, analizzati e commentati durante il corso seminariale. 

giovedì 9 ottobre 2014

Nobel 2014 al GPS cerebrale


di Alberto Carrara, LC *

Sono ben 11 oramai i Nobel per la Medicina dedicati alle neuroscienze!

Dopo aver annunciato l’altro giorno l’assegnazione del Premio Nobel per la Medicina e laFisiologia 2014 a John O’Keefe (metà premio) e agli sposi May-Britt Moser e Edvard I. Moser (l’altra metà del premio), cerchiamo di capire meglio che cosa hanno scoperto questi scienziati e l’importanza delle loro evidenze, confermate, replicate e, soprattutto, applicate in questi ultimi decenni di ricerca neuroscientifica.

lunedì 6 ottobre 2014

Un Nobel alle Neuroscienze!


The Nobel Prize in Physiology or Medicine 2014 was divided, one half awarded to John O'Keefe, the other half jointly to May-Britt Moser and Edvard I. Moser "for their discoveries of cells that constitute a positioning system in the brain".

2014-2015, un anno tra filosofia e neuroscienze

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA)
Oggi, 6 ottobre, inizia ufficialmente l'anno accademico 2014-2015 presso l'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA) di Roma. 

Sin dal 2011 il prof. P. Alberto Carrara, LC presta servizio presso quest'Istituzione accademica attraverso corsi universitari e attività di ricerca che spaziano dalla filosofia, in particolare, dall'antropologia filosofica, alle neuroscienzeDi seguito presentiamo schematicamente le diverse attività accademiche 2014-2015 del prof. Carrara presso l'APRA

giovedì 2 ottobre 2014

Eutanasia e tecniche di imaging cerebrale

Sappiamo da tempo che l'imaging con la risonanza magnetica funzionale si sta rivelando un aiuto importante per una parte dei pazienti in stato vegetativo o di minima coscienza. Nuove tecnologie basate sull'EEG si stanno dimostrando utili per rivelare anche il più piccolo segno di coscienza, in pazienti che ne sembrano privi. 
Cosa potrebbe succedere se queste stesse tecniche fossero utilizzate per sapere se il paziente vuole vivere o morire? Potrebbero essere usate impropriamente, non più per aiutare la persona, ma per aprire un'ulteriore porta all'eutanasia?

mercoledì 1 ottobre 2014

Robot, indecisione, rischi ed etica

Cosa succederebbe se un robot fosse indeciso su quale azione compiere e a causa di questa indecisione lasciasse morire qualcuno? Può essere responsabile di questa "indecisione"? Può un automa arrivare a capire qual è la scelta giusta da fare tra due opzioni che gli si presentano?

La Prima Legge della Robotica di Isaac Asimov sancisce che "un robot non può danneggiare un essere umano e nemmeno attraverso l'inazione può permettere che un essere umano riceva un danno" eppure in un esperimento condotto da Alan Winfield del Briston Robotics Laboratory, un robot è rimasto letteralmente paralizzato di fronte alla scelta "chi salvare?".

martedì 30 settembre 2014

GRAZIE: 100.000 visite totali

GRAZIE A TUTTI PER QUESTO TRAGUARDO!
CHIUDIAMO IL MESE DI SETTEMBRE CON UN OTTIMO RISULTATO

Festival dell neuroscienze 2015 ad Edinburgh

Giacomo Rizzolatti dell'Università di Parma compare tra i professori che terranno una lettura plenaria durante il Festival delle Neuroscienze ad Edinburgh

La BNA (British Neuroscience Association) che il prossimo anno festeggia i 50 anni di attività (1965-2015), ha annunciato il programma del prossimo Festival of Neuroscience che si svolgerà ad Edinburgh dal 12 al 15 aprile 2015 e riunirà neuroscienziati, neurologi, psichiatri insieme a fisiologi e farmacologi.

mercoledì 24 settembre 2014

Elementi di neurobioetica, i docenti

Depliant del programma del Master
in Scienza e Fede
Il corso semestrale Elementi di neurobioetica diretto dal Prof. P. Alberto Carrara, LC che si aprirà il prossimo 16 ottobre presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma all’interno del programma del Master in Scienza e Fede, vede la partecipazione di importanti e autorevoli collaboratori, specialisti nazionali ed internazionali nei settori delle neuroscienze, psichiatria, filosofia e diritto.

Ecco i volti e i nomi degli specialisti di questo corso semestrale a carattere interdisciplinare.

Elementi di neurobioetica, presentazione

Ateneo Regina Apostolorum (Roma)
Si aprirà il prossimo 16 ottobre presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma, il corso semestrale Elementi di neurobioetica diretto dal Prof. P. Alberto Carrara, LC con la partecipazione di importanti e autorevoli collaboratori, specialisti nazionali ed internazionali nei settori delle neuroscienze, psichiatria, filosofia e diritto. 

Il corso si svolgerà tutti i giovedì pomeriggio del primo semestre 2014-2015 dalle 15.30 alle 17.15 (aula Magna, Ateneo Regina Apostolorum, Roma) e si colloca all’interno del programma del Master in Scienza e Fede che quest’anno offre la sua tredicesima edizione (vedi programma QUI).

Di seguito, una breve descrizione del corso, l’intervista al Direttore del Programma di Master Prof. P. Rafael Pascual, LC e il contatto per informazioni ed iscrizioni.  

domenica 21 settembre 2014

Neuroetica, seminario semestrale 2014-2015

Prestigiosa rivista di Neuroetica
in lingua inglese
Inizierà il prossimo lunedì 6 ottobre il corso seminariale FILS1028 Neuroetica (3 ECTS) impartito dal Prof. P. Alberto Carrara, L.C. presso la Facoltà di Filosofia dell'Ateneo Regina Apostolorum di Roma. Il corso si rivolge agli studenti del terzo anno di Filosofia. Di seguito ripostiamo il Syllabus del corso (vedi Ordo istituzionale). 

Prof. P. Alberto Carrara, LC
Descrizione del corso.
Le neuroscienze ci sorprendono ogni giorno di più con straordinarie scoperte e applicazioni innovative alla salute e alla vita dell’essere umano, sia malato, come sano. Numerose sono le idee e i concetti classici che le scienze del cervello stanno mettendo in discussione. L’impiego delle moderne neurotecnologie permette di indagare la fisiologia che è alla base delle attività cognitive umane, delle emozioni, dei diversi comportamenti, dell’affettività, etc. Il problema dell’interpretazione e applicazione dei dati empirici ha fatto sorgere una nuova disciplina, la neuroetica, vero e proprio “ponte” tra neuroscienze, filosofia e riflessione bioetica. La neuroetica non è semplicemente un nuovo ambito o settore della bioetica classica, bensì si caratterizza quale nuovo terreno di riflessione antropologica, culturale e sociale. Questo seminario intende, attraverso la lettura e la riflessione di importanti autori di questa disciplina emergente, fornire allo studente una visione d’insieme sulla natura, sullo statuto e sul metodo proprio della neuroetica.

Chi è l'uomo? Antropologia filosofica 2014-2015

Manuale sintetico, ed. ART, Roma, 2012
Si aprirà il prossimo 6 ottobre il corso istituzionale di Antropologia filosofica presso la Facoltà di Filosofia dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma. Il corso, che sino all'anno scorso è stato impartito dal Prof. P. Ramón Lucas Lucas, ordinario di Antropologia filosofica e bioetica presso la PUG (Pontificia Università Gregoriana) di Roma, quest'anno verrà diretto dal Prof. P. Alberto Carrara, L.C. (vedi Ordo Accademico)

Di seguito riportiamo la descrizione del corso che avrà un'attenzione speciale nei confronti delle tematiche antropologiche e dei loro attuali approfondimenti e risvolti neuroscientifici (vedi Syllabus istituzionale)

venerdì 19 settembre 2014

Uso terapeutico dei cannabinoidi

Immagine tratta dal sito del Corriere della sera di quest'oggi. 

Cannabis curativa, quanti dubbi

Alberto Carrara, LC

Così titolava Viviana Daloiso ieri su Avvenire (Avvenire, 18 settembre 2014). Per l'interesse nell'ambito degli effetti neurologici delle sostanze d'abuso, riporto di seguito il testo dell'articolo della Daloiso, sottolineandone alcune parti. 


giovedì 18 settembre 2014

Adverse Health Effects of Marijuana Use


Read more HERE

Marijuana e cervello

Dalla prima pagina del Corriere della sera
del 3 settembre 2014
Può danneggiare la salute e lo studio. Ecco perché diffidare della marijuana”. Titolava così un articolo firmato da Giuseppe Remuzzi sul Corriere della Sera dello scorso 3 settembre (foto dalla prima pagina). Riportiamo il testo di seguito.

Crea dipendenza in un ragazzo su due se viene fumata tutti i giorni. Secondo le ricerche effettuate sugli animali, favorirebbe l’accesso ad altre droghe.

martedì 16 settembre 2014

lunedì 15 settembre 2014

Una neuro-immagine sensazionale

Ha condotto una vita normale, senza particolari problemi. In Cina, una ragazza ha scoperto soltanto ora, dopo 24 anni, di non avere una parte fondamentale del sistema nervoso centrale: il cervelletto. Leggi l'articolo su BRAIN QUI

Living patient without the cerebellum

A new case of complete primary cerebellar agenesis:
clinical and imaging findings in a living patient. Read the article HERE

Il potenziamento non è evoluzione!

Il prof. Carrara in visita al MUSE,
il museo della scienza di Trento
di Alberto Carrara, LC *

Sabato scorso sul Corriere della Sera Massimo Gaggi intitolava: “Le previsioni dell’antropologo Cadell Last, ricercatore del Global Brain Institute. Dal 2050 l’uomo si evolverà: cervello più grande e vivremo fino a 120 anni. Secondo lo studioso faremo meno figli e molto più tardi nella vita, ci saranno protesi anche per migliorare le attività cerebrali”.

Un titolo importante e, soprattutto eclatante. Ma consideriamone i contenuti.

Secondo l’antropologo evoluzionista Cadell Last, ricercatore del Global Brain Institute: “Entro il 2050 l’«homo sapiens» evolverà in qualcosa di diverso. L’impatto delle innovazioni tecnologiche e l’allungamento della vita che già sta cambiando il nostro «orologio biologico» (i tanti bimbi partoriti da 40enni e, ormai, anche 50enni) modificherà in modo radicale la nostra natura: vivremo fino a 120 anni, avremo cervelli più grossi e organi sessuali più piccoli”.