mercoledì 13 dicembre 2017

UNESCOBIOCHAIR: A Neurobioethical Perspective on Informed Consent


UNESCO Chair presents is first one-day workshop: A Neurobioethical Perspective on Informed Consent  within the i-Consent project which works on improving guidelines for Informed Consent, including vulnerable populations, under a gender perspective. See our event now on YouTube here

Significare il corpo: limite, incontro e risorsa. Il video del colloquio tra esperti


Si è svolto ieri,12 dicembre 2017, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, presso l'Aula MASTER (primo piano) dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum il Colloquio tra filosofi 'Significare il corpo: limite, incontro e risorsa' organizzato dall'ISSD. Sono intervenuti: Prof.ssa Angela Ales Bello, Fondatrice e Direttrice del Centro Italiano ricerche Fenomenologiche; Prof.ssa Maria Teresa Russo, Università degli Studi Roma Tre e Campus Biomedico; Prof. Carmelo Vigna, Università degli Studi Ca’ Foscari di Venezia e i Membri del Gruppo di ricerca dell’istituto di Studi Superiori Sulla Donna.

martedì 12 dicembre 2017

Significare il corpo: limite, incontro e risorsa. Oggi pomeriggio il colloquio tra esperti all'APRA

Oggi pomeriggio,12 dicembre 2017, dalle ore 17:00 alle ore 19:00, presso l'Aula MASTER (primo piano) dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum si svolgerà il Colloquio tra filosofi 'Significare il corpo: limite, incontro e risorsa' organizzato dall'ISSD. Si presenterà il volume omonimo il cui primo capitolo, a firma di Chiara D'Urbano e Alberto Carrara, si centra su 'Il corpo nel sogno post-umano'.  

Interverranno
Prof.ssa Angela Ales Bello, Fondatrice e Direttrice del Centro Italiano ricerche Fenomenologiche
Prof.ssa Maria Teresa Russo, Università degli Studi Roma Tre e Campus Biomedico
Prof. Carmelo Vigna, Università degli Studi Ca’ Foscari di Venezia

Membri del Gruppo di ricerca dell’istituto di Studi Superiori Sulla Donna

lunedì 11 dicembre 2017

Psicofarmacologia e psichiatria del terzo millennio: il convegno annuale BRF

Alberto Carrara. Si è svolto a Lucca lo scorso 25 novembre presso l’Auditorium San Romano il convegno annuale del BRF – Brain Research Fondazione Onlus dal titolo: Psicofarmacologia e psichiatria del terzo millennio: problematiche e nuovi orizzonti. Ho avuto il piacere e l’onore di parteciparvi, su invito del presidente, dott. Armando Piccinni e della prof.ssa Donatella Marazziti, anche in qualità di membro del comitato scientifico dello stesso centro di ricerca neuroscientifico lucchese.
Alla giornata di studio hanno partecipato ospiti di livello nazionale e internazionale. Ho avuto il piacere di conoscere il prof. Stephen M. Stahl, uno tra i farmacologi più importanti al mondo. 
Due momenti hanno scandito la giornata. La mattinata è stata scandita dagli interventi di diversi relatori: “Regulatory issues with psychopharmacology in anxiety, depression and schizophrenia” di Filippo Drago; “Dalle nuove forme dello stress e della vulnerabilità alla psicopatologia” di Giovanni Biggio; “Treatment of resistant depression” di Andrea FagioliniL’evento culmine della mattina è stata la lectio magistralis di Stephen M. Stahl Future of Psychopharmacology: Is New Treatment Innovation Dead or Alive”.

Il pomeriggio, evento aperto al pubblico, si è connotato per l’alto valore scientifico e divulgativo. Il prof. Stephen M. Stahl ha esposto un argomento di emergente attualità: “History of Psychological Trauma” a cui è seguito un panel di discussione tra esperti: Giovanni Biggio, Filippo Drago, Andrea Fagiolini, Donatella Marazziti, Mauro Mauri, Armando Piccinni rispetto a “Il cervello dell’adolescente: una meravigliosa creazione tra cure materne, disparità socioeconomiche e sostanze d’abuso”. La serata si è conclusa con un galà di beneficenza. 

martedì 5 dicembre 2017

Automata: robotica, coscienza e neuroetica

Automata (2014)
Alberto Carrara. Si intitola Automata la pellicola d’azione diretta da Gabe Ibáñez nel 2014 e basata su un futuro distopico di una società post-industriale altamente tecnologica, ma alla deriva, in cui si sviluppano cyborg autocoscientiInsomma, una neuro-robo-pellicola sci-fi che però ha molti elementi che sono, in parte e con molte distinzioni, già una realtà (almeno non così diffusa come in futuro sarà!). Mi sono occupato diverse volte di cinematografia, neuroscienze e robotica su questa pagina; in particolare nel mese di luglio del 2015.

A cosa mi riferisco quando affermo che molti elementi di questi film sono una realtà? 

Mi riferisco, in primis, allo sviluppo di macchine androidi, alcune simili all’essere umano, tanto da rassomigliarci, tanto da leggere – i sofisticati programmi di AI, intelligenza artificiale, di cui queste macchine sono dotate –  le nostre micro-espressioni facciali e riconoscere le nostre emozioni più profonde, come Sophia della Hanson Robotics o la recentissima Erica.

sabato 2 dicembre 2017

La neurochirurgia si interfaccia con l'idea del trapianto di testa - sintesi della tavola-rotonda

di Giulia Bovassi. Abstract. La prima edizione del Corso di Perfezionamento in Neurobioetica, Neurobioetica e Transumanismo, è entrata appieno nel vivo della problematica principale non solo del corso, ma di tutto il percorso di ricerca e approfondimento che, da qui ai prossimi cinque anni, impegnerà il Gruppo di Ricerca interdisciplinare in Neurobioetica (GdN), ovvero il trapianto di testa e con esso l'apertura effettiva del panorama Trans e Post-umanesimo. Il neurochirurgo di fama internazionale, il prof. Aldo Spallone, lo scorso 24 novembre, ha delineato lo scontro-incontro fra neurochirurgia e l'evento tanto atteso.
Grazie alla lezione tenuta dal neurochirurgo di fama internazionale, il prof. Aldo Spallone, lo scorso 24 novembre, in occasione del terzo incontro del Corso di Perfezionamento in Neurobioetica, Neurobioetica e Transumanismo, moltissimi studiosi partecipanti, hanno avuto accesso alla specificità pratica del tema oggi al centro delle attese nel panorama neuroscientifico e non solo. P. Alberto Carrara, coordinatore del GdN e del Corso di Perfezionamento, già nei precedenti incontri aveva preparato un terreno, aggiornato fino ai più recenti sviluppi, nozionistico scientifico e filosofico, su possibilità, aspettative e traguardi del movimento Trans e Post-umanista. 

lunedì 27 novembre 2017

Neuromed: centro d’eccellenza neuroscientifica sensibile alla neuroetica

Lo scorso 10 novembre il prof. P. Alberto Carrara, L.C., membro corrispondente della Pontificia Accademia per la Vita (PAV), coordinatore del Gruppo di ricerca in Neurobioetica (GdN) dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani (UNESCO Bio Chair) ha visitato le strutture e incontrato il personale scientifico e dirigenziale di Neuromed a Pozzilli (in Molise) e a Caserta (il recentissimo Centro NeuroBiotech).
L’Istituto Neurologico Mediterraneo Neuromed è un Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (I.R.C.C.S.) fondato il 2 febbraio 1976, centro di rilevanza nazionale e di altissima specializzazione per patologie afferenti alla NeurochirurgiaNeurologiaNeuro-riabilitazione e tutte le applicazioni relative alle Neuroscienze in cui sono utilizzabili la Neuroradiologia, l’Angiocardioneurologia e la Chirurgia Vascolare.
La visita del prof. Carrara si colloca nel segno della già avviata collaborazione del GdN-Università Europea di Roma (UER) con l’NCL (Neurological Center of Latium – Istituto di Neuroscienze), l’Istituto di Neuroscienze del prof. Aldo Spallone, che da poco è entrato a far parte della Rete del Gruppo Neuromed. 

La neurochirurgia si interfaccia con l'idea del trapianto di testa. Video.


Si è svolta a Roma, presso l'APRA, il 24 novembre scorso, la tavola rotonda organizzata dall’Istituto di Bioetica e Diritti Umani 'La neurochirurgia si interfaccia con l'idea del trapianto di testa'. Questo evento si inserisce all’interno del Corso di Perfezionamento in Neurobioetica. Ad aprire i lavori il Magnifico Rettore dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, prof. P. Jesús Villagrasa, L.C e il prof. Alberto Garcia, direttore della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani. Sono intervenuti: Alberto Carrara, L.C. (Coordinatore del GdN) – “Breve storia sui trapianti di testa: dall’animale all’essere umano” e il neurochirurgo di fama internazionale Aldo Spallone (Neurochirurgo, Direttore del Dipartimento di Neuroscienze cliniche dell’NCL Roma – Neurological Center of Latium) – “La neurochirurgia si interfaccia con l’idea del cosiddetto ‘trapianto di testa’ nell’essere umano”. Ecco la video.registrazione dell'evento.

venerdì 24 novembre 2017

La neurochirurgia si interfaccia con l'idea del trapianto di testa. Oggi all'APRA

Oggi alle 17:00 non perdetevi la tavola-rotonda del GdN (Gruppo di ricerca interdisciplinare in Neurobioetica dell'APRA). Interverrà il neurochirurgo di fama internazionale Aldo Spallone. Programma qui; segui la DIRETTA STREAMING cliccando QUI.

giovedì 23 novembre 2017

Neurobioetica. Il prof. Carrara alla settimana intensiva di Bioetica dell'APRA

23-24 novembre 2017. Il prof. P. Alberto Carrara, L.C. membro corrispondente della Pontificia Accademia per La Vita (PAV), coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani impartirà un modulo intensivo di neurobioetica (1 ECTS; 1 CFU) agli studenti della settimana intensiva di Bioetica dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a Roma. Si può seguire la presentazione PREZI del docente cliccando direttamente qui. Il corso verrà video-registrato e prossimamente verrà condiviso su questa pagina. 
Nel panorama contemporaneo, a cavallo tra bioetica, neuroscienze e filosofia della mente (Mind Philosophy), è emerso, sin dagli anni Settanta del secolo scorso, un ambito di riflessione e d'azione proprio, definito: Neuro-Ethics, NeuroeticaIn questo contributo, il prof. Carrara, dopo aver caratterizzato la Neurobioetica quale nuova disciplina di frontiera, considererà l'interessante paradigma contemporaneo di interpretazione delle neuroscienze applicate all’essere umano mettendo in luce come la riflessione neurobioetica si profili quale autentico “ponte” tra discipline classiche quali la bioetica, la filosofia e le neuroscienze. Per un articolo di sintesi del docente clicca qui

mercoledì 22 novembre 2017

Trapianto di testa nell'uomo: alcune considerazioni in merito

Alberto Carrara, coordinatore del GdN e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani. Carissimi amici, cari membri del Gruppo di ricerca in Neurobioetica (GdN), carissimi studenti del corso di perfezionamento, buongiorno. Le ultime cronache mediatiche globali a seguito dell’articolo ‘World’s first human head transplant a success, controversial scientist claims’ di Telegraph firmato dall’editrice scientifica inviata a Vienna, Sarah Knapton, lo scorso 17 novembre, stanno riproponendo gli scenari spesso inquietanti relativi al cosiddetto “trapianto di testa”. La novità rispetto ai mesi scorsi è che il neurochirurgo torinese Sergio Canavero ha annunciato a Vienna pochi giorni fa il presunto “successo” del primo trapianto di testa su cadavere umano, realizzato – a detta del dottor Canavero – in Cina dopo 18 ore di intervento. La nostra prossima tavola-rotonda del 24 novembre verte sugli aspetti neurochirurgici di questa proposta. Voglio condividere con voi lettori alcune considerazioni in merito. 

martedì 21 novembre 2017

Un successo il primo trapianto di testa su cadavere umano?

Alberto Carrara. L'immagine si riferisce al video della conferenza stampa rilasciata pochi giorni fa a Vienna dal neurochirurgo italiano Sergio Canavero (a destra) in occasione della clamorosa "riuscita" del primo trapianto di testa realizzato su cadavere umano. Le ultime cronache mediatiche globali a seguito dell’articolo ‘World’s first human head transplant a success, controversial scientist claims di Telegraph firmato dall'editrice scientifica inviata a Vienna, Sarah Knapton, lo scorso 17 novembre, stanno riproponendo gli scenari spesso inquietanti relativi al cosiddetto “trapianto di testa”. La novità rispetto ai mesi scorsi è che il neurochirurgo torinese Canavero ha annunciato il presunto “successo” del primo trapianto di testa su cadavere umano, realizzato – a detta del dottor Canavero – in Cina dopo 18 ore di intervento. Segui la breve intervista cliccando qui.

Umano, transumano, postumano. Oggi alla PUSC

Martedì 21 novembre (ore 16, Aula Álvaro del Portillo), si terrà un atto celebrativo del 25º anniversario della rivista della Facoltà di Filosofia Acta PhilosophicaAlla tavola rotonda Umano, transumano, postumano prenderanno parte Luca La Mesa (SingularityU Rome Ambassador), Mauro Magatti (Università Cattolica di Milano) e Francesco Russo (Università della Santa Croce), moderati da Andrea Lavazza (Centro Universitario Internazionale, Arezzo). Scarica il programma qui.

venerdì 17 novembre 2017

Cervello e sessualità. Il prof. Carrara integra la questione

Roma, via Po, martedì 7 novembre 2017, ore 19:00. Il prof. P. Alberto Carrara, L.C. coordinatore del Gruppo di ricerca in neurobioetica e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani ha presentato la questione neurobioetica relativa a “cervello e sessualità”. Clicca qui per seguire la presentazione PREZI del prof. A maggio del 2016 il prof. Carrara è intervenuto come esperto di neuroetica e neuroscienze al prestigioso Brain Forum “Ha un sesso il cervello?” di cui si può rivedere la video-registrazione su vimeo cliccando qui.
Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere”, il luogo comune che si nasconde dietro a questa frase slogan ad effetto ha trapassato i secoli, anzi, i millenni della storia dell’umanità e, non poche volte, ha prodotto discriminazioni, ingiustizie, abusi, violenza, in poche parole, oscurità e mancanza di un autentico sviluppo umano. Il “luogo comune” è l’opposizione inconciliabile tra donna e uomo, meglio, tra donne e uomini (perché l’uomo in generale e la donna in generale non esistono se non come categorie, bensì esistono gli uomini e le donne concreti). 

mercoledì 15 novembre 2017

Alberto Magno, protettore dei neuroscienziati e neurobioeticisti!

San Alberto Magno
Alberto Carrara. Molto probabilmente i 2/3 degli esseri umani, e dentro quel terzo che resta, la maggior parte dei cristiani, e un buon numero di cattolici, sono ignari che oggi, 15 novembre, si celebra un gran santo e dottore della Chiesa (Papa Pio XI, 1931), un gran teologo, un gran filosofo, un gran scienziato e Patrono dei cultori delle scienze naturali (16 dicembre 1941, Papa Pio XII): Alberto della nobile famiglia Bollstadt, vissuto tra il 1200 e il 1280, detto “magno” per la vastità (oggi diremo, per l’interdisciplinarietà) del suo sapere. Per una breve storia clicca qui.

Vorrei solo soffermarmi sul fatto che: se è il patrono dei cultori delle scienze naturali e se, tra le scienze della natura, le neuroscienze oggi ne sono un settore rilevante, allora, Alberto Magno è il patrono dei neuroscienziati, dei cultori di neuroscienze, e perciò dei neurobioeticisti!

4 priorità neuroetiche per neurotecnologie e AI

Nature 551, Nov 9 2017, 159-163
Alberto Carrara. Nell’ultimo numero della rivista Nature (Nature 551, Nov 9 2017, 159-163), il neuroscienziato e professore di scienze biologiche presso la Columbia University Rafael Yuste e la filosofa e bioeticista della Washington University Sara Goering, sono i firmatari (principali ma non esclusivi) di un lungo commento di 5 pagine relativo all’etica delle emergenti tecnologie applicate alla vita dell’essere umano (l’etica delle tecnologie fa parte della filosofia della tecnologia che, a sua volta, si situa all’interno del vasto contesto della filosofia della scienza e della natura). “Quattro priorità etiche per le neurotecnologie e per AI” (Four priorities forneurotechnologies and AI) è il titolo originale, 

martedì 14 novembre 2017

Ethical priorities for neurotechnologies and AI

Alberto Carrara. In a more recent comment on Nature journal, neuroscientists and bioethicists (neurobioethicists) call for regulations and ethical guidelines in developing and applying neurotechnologies and artificial intelligence programs (Nature 551, Nov 9 2017, 159-163). Four are the main areas of interest and threat: 1. individual privacy 2. personal identity 3. autonomy or agency and 4. equality (potential for social inequalities). Read more here. More comments on this page soon. 

lunedì 13 novembre 2017

Bioetica, questione ambientale ed ecologia umana

Il prof. Carrara con la copia del recente volume
Tra le recenti pubblicazioni della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani, segnaliamo il volume 'Bioetica, questione ambientale ed ecologia umana' frutto di un corso estivo di perfezionamento in Bioetica dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA). 
Tra i capitoli del libro, quello del prof. P. Alberto Carrara, L.C. coordinatore del Gruppo di Neurobioetica e Fellow della stessa Cattedra UNESCO intitolato: La mente animale e la mente umana sul "tavolo" delle neuroscienze (pp. 69-95). Per ordinare una copia clicca qui. Una presentazione PREZI del prof. Carrara sull'argomento si trova cliccando qui; mentre sulla rivista Studia Bioethica (IX/3, 2016) è stato pubblicato un secondo articolo, clicca qui

giovedì 9 novembre 2017

15 anni di Neuroetica: tre grandi “neuroeticisti” ne fanno un bilancio

Alberto Carrara

Il primo incontro di neuroetica: allora ed oggi” (The First Neuroethics Meeting: Then and Now). Così si intitola l’ultimo speciale che la rivista Cerebrum della DANA Foundation ha pubblicato lo scorso 31 ottobre volendo festeggiare l’anniversario dei 15 anni dalla “nascita canonica” di quel contesto di riflessione interdisciplinare sulle neuroscienze, sulle sue applicazioni ad ogni fase della vita umana e sulle sue interpretazioni che oggi si conosce con il neologismo “neuro-etica” (neuro-ethics) coniato da Alma Annaliese Pontius nel 1973. Il gruppo di neurobioetica ha celebrato a maggio di quest'anno quest'anniversario con un convegno interdisciplinare che può essere rivisto dal canale YouTube del GdN.

Tre grandi nomi della neuroetica globale, tre “neuroeticisti” (per utilizzare il neologismo coniato da R. Cranford nel 1989) hanno fatto un bilancio sugli sviluppi di questa disciplina. Jonathan D. Moreno, Patricia Smith Churchland e Kenneth F. Schaffner, tre degli oltre 150 esperti che nel 2002 si riunirono a San Francisco (14-16 maggio) per il primo congresso mondiale di neuroetica, hanno voluto condividere su Cerebrum il percorso che la neuroetica ha compiuto lungo questi 15 anni (2002-2017). Non solo un bilancio del cammino affascinante ed estremamente dinamico di ricerca compiuto sull’organo più misterioso dell’universo che è il nostro cervello, ma i tre neuroeticisti hanno anche proiettato le loro riflessioni verso il futuro della neuroetica abbozzando i nuovi scenari per i prossimi 15 anni (2018-2032).  

The First Neuroethics Meeting: Then and Now

It wasn’t until 2002 that more than 150 neuroscientists, bioethicists, doctors of psychiatry and psychology, philosophers, and professors of law and public policy came together to chart the boundaries, dene the issues, and raise some of the ethical implications tied to advances in brain research. On the 15th anniversary of the Neuroethics: Mapping the Field conference in San Francisco, we asked three of the original speakers to reflect on how far the neuroethics field has come in 15 years—and where the field may be going in the next 15. Red more here.

mercoledì 8 novembre 2017

Neurogenomics from the Catholic tradition

MD Anderson Cancer Center di Houston, USA,
November 14-16th, 2016

Alberto Carrara. There was a time in which genes played a central role in scientific and popular scenarios. Now it is the time of another principal character: the human brain. More than 10 years ago, prominent neuroscientist Steven Rose portrayed with these words the raise of the so call ‘golden neurocentric age’… read more here.

Studia Bioethica: sfide bioetiche in Neurogenomica

Pubblicato l’ultimo numero monografico della rivista Studia Bioethica (X/3,2017) dedicato alle sfide bioetiche in Neurogenomica da una prospettiva interreligiosa e multiculturale curato dal prof. P. Joseph Tham, L.C. 
Questa pubblicazione è il parziale frutto del 5° Workshop e Conferenza Internazionale di Bioetica, Multiculturalità e Religione, organizzato dalla Cattedra UNESCO di Bioetica eDiritti Umani, svoltosi presso il MD Anderson Cancer Center di Houston, USA dal 14 al 16 novembre 2016

lunedì 6 novembre 2017

Il cervello vulnerabile delle baby miss: nuova sfida per la neuroetica

Alberto Carrara

Sabato 28 ottobre a Taranto, in occasione della presentazione del libro-denuncia di Flavia Piccinni “Bellissime” che svela cosa si nasconde dietro il mondo delle baby miss, all'interno dell'evento sulla Bellezza promosso dalla Brain Research Fondazione onlus, nel mio intervento ho cercato di applicare la riflessione interdisciplinare della neuroetica al particolare e concreto contesto portato a galla dalla Piccinni.
Partendo da alcuni cenni sulla definizione di neuroetica e di neuroestetica, ho brevemente illustrato la genesi e lo sviluppo del sistema nervoso, e in particolare del cervello, dalla nascita alla sua ‘piena’ maturità. 

venerdì 3 novembre 2017

Healthy ageing domani il G7 side event del Besta a Milano

Domani, invitato dalla dott.ssa Matilde Leonardi, il prof. P. Alberto Carrara, L.C. coordinatore del GdN e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani di Roma parteciperà al prestigioso G7 Side Event - INNOVAZIONE E RICERCA PER L’INVECCHIAMENTO ATTIVO - Nuove domande per la ricerca e nuove risposte dall’innovazione. Il programma è disponibile cliccando qui.
“La finalità di questo G7 side event, coordinato e organizzato dalla nostra Fondazione,” dice Alberto Guglielmo, Presidente della Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta, “è quella definire il ruolo importante della ricerca per favorire un invecchiamento sano ed attivo della popolazione, tenendo conto che, anche l’innovazione, farà la differenza per la vita degli anziani. Il G7side event prenderà in considerazione da diversi punti di visita, epidemiologico, politico, etico, economico, la questione dell’Healthy ageing, che è stato discusso anche durante l’ultimo G7 in Giappone l’anno scorso. I risultati dell’evento saranno di supporto al vertice del G7 con dati e temi incentrati sulla ricerca e l’innovazione. Per il Neurologico Besta il G7 side event rappresenta inoltre l’inizio delle iniziative che proseguiranno per tutto il 2018, anno durante il quale celebreremo i nostri 100 anni di storia dalla nostra Fondazione”.

giovedì 2 novembre 2017

Primo Caffè scientifico BRFonlus sulla bellezza a Taranto: i video


Prendendo spunto dalla recente pubblicazione Bellissime di Flavia Piccinni, la Fondazione Onlus Brain Research (BRFondazione onlus) ha organizzato il suo primo caffè scientifico interdisciplinare dal titolo: “La bellezza fra psicologia, psicopatologia, teologia e filosofia”, che si è svolto con successo sabato 28 ottobre dalle 18 alle 20 nel Salone degli Specchi del Municipio di Taranto. Ecco i due video della serata tra neuroscienze, psichiatria, filosofia e teologia: un vero e proprio "laboratorio" di neuroetica!

Neuroscienze cliniche e neurofeedback si interfacciano con l’idea del trapianto di testa: il video


Venerdì scorso,27 ottobre, si è svolta a Roma, presso l’APRA-UER la tavola-rotonda del gruppo di ricerca in neurobioetica (GdN) intitolata ‘NEUROSCIENZE CLINICHE E NEUROFEEDBACK SI INTERFACCIANO CON L’IDEA DEL TRAPIANTO DI TESTA’. Ecco la video-registrazione dell’evento tratta dal canale YouTube GdN Neurobioetica.

lunedì 30 ottobre 2017

Neuroscienze cliniche e neurofeedback si interfacciano con l’idea del trapianto di testa

Da destra il Magnifico Rettore, Pedro Barrajon e
il coordinatore del GdN, Alberto Carrara
Venerdì scorso, 27 ottobre, si è svolta a Roma, presso l’aula Master dell’APRA-UER la tavola-rotonda del gruppo di ricerca in neurobioetica (GdN) intitolata ‘NEUROSCIENZE CLINICHE E NEUROFEEDBACK SI INTERFACCIANO CON L’IDEA DEL TRAPIANTO DI TESTA’. Il video dell’evento è disponibile sul canale YouTube GdN Neurobioetica.
Nell’aprire i lavori, il Magnifico Rettore della UER, prof. P. Pedro Barrajón, L.C. ha sottolineato l’importanza e rilevanza della riflessione interdisciplinare relativa alle frontiere delle neuroscienze e delle più sofisticate neuro-tecnologie applicate ad ogni fase della vita dell’essere umano. Il Magnifico Rettore ha preso le mosse dal recente caso mediatico relativo all’attribuzione della cittadinanza ad un programma di intelligenza artificiale (A.I.), chiamato Sophia, da parte del re dell’Arabia Saudita (‘the first robot citizen’, notizia del 26/10/2017).

sabato 28 ottobre 2017

Caffè scientifico BRFonlus sulla bellezza oggi a Taranto

Il primo caffè scientifico della Fondazione BRF Onlus arriva a Taranto: il focus sulla bellezza per un dialogo fra psicologia, psichiatria, teologia e filosofia. L’appuntamento è per questo pomeriggio, sabato 28 ottobre, ore 18 a Taranto, nella Sala degli Specchi del Municipio. La scrittrice tarantina Flavia Piccinni, osservando i bambini e soprattutto le bambine impegnate nelle sfilate di Pitti moda, ha avuto l'idea che ha generato Bellissime, libro appena uscito per la casa editrice Fandango. Prendendo spunto da questa recente pubblicazione, la Fondazione Onlus Brain Research ha indetto un incontro dal titolo: “La bellezza fra psicologia, psicopatologia, teologia e filosofia”, che si terrà sabato 28 ottobre alle ore 18,00 nel Salone degli Specchi di Palazzo di Città a Taranto. Durante la serata, oltre all'autrice del libro, interverranno: Alberto Carrara, Donatella Marazziti, Armando Piccinni, Guido Traversa e Claudio Bonito. L'evento si svolgerà con il patrocinio della Regione Puglia, assessorato all'industria del turismo e della cultura, dei Presìdi del Libro e del Presidio del Libro di Taranto Rosa Pristina. Continua a leggere qui.

giovedì 26 ottobre 2017

Neuroscienze cliniche e neurofeedback sul trapianto di testa

TAVOLA-ROTONDA
NEUROSCIENZE CLINICHE E NEUROFEEDBACK 
SI INTERFACCIANO CON L’IDEA DEL TRAPIANTO DI TESTA
27 ottobre 2017, ore 17:00, aula Master (1° piano)
via degli Aldobrandeschi, 190 – 00163 Roma

Neuroscienze. Quale spazio per la libertà e responsabilità

È stato pubblicato il numero monografico Speciale: Neuroscienze. Quale spazio per la libertà e responsabilità (Anno VI n.6 – Settembre-Ottobre 2017) della Rivista Bioetica News Torino, Rivista del Centro Cattolico di Bioetica. 

L’editoriale offre la panoramica e il contesto al volume che conta con i contributi in ordine di: Mons. Cesare Nosiglia, Arcivescovo di Torino; l’introduzione al convegno del prof. Giorgio Palestro, Presidente del Centro Cattolico di Bioetica e le due relazioni principali: quella del prof. Riccardo Torta su Il libero arbitrio e le neuroscienze. L’inquadramento scientifico e quella del prof. P. Alberto Carrara, L.C. su Dalle neuroscienze alla neuroetica: per unalibertà più umana. Leggi tutto il volume cliccando qui.

mercoledì 25 ottobre 2017

A Legionary in the Papal Bioethics Academy

Regnum Christi Web site. Fr Alberto Carrara LC, a professor at the Legion’s Regina Apostolorum University in Rome, was just named to the Pontifical Academy for Life. He sat down and answered a few questions for about his work on the Academy and elsewhere. Fr Alberto, you were just named to the Pontifical Academy for Life. What is that and what does it mean to be a member?... read more here.

Neurobioetica: ponte tra neuroscienze, filosofia ed etica - II parte


Seconda parte della 'giornata di neurobioetica' impartita dal prof. P. Alberto Carrara, L.C. coordinatore del gruppo di neurobioetica (GdN) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani sabato scorso, 21 ottobre, all'interno del Master di I livello in Consulenza filosofica ed antropologia esistenziale. Insieme al video si può seguire la presentazione PREZI che appare sullo sfondo cliccando qui