giovedì 9 febbraio 2012

MAI PIÙ! Una giornata per ricordare, approfondire, capire

Indetta anche quest'anno per il 9 febbraio la Giornata nazionale degli stati vegetativi

Il Consiglio dei Ministri ha approvato su proposta del Ministro della Salute la direttiva che indice per il 9 febbraio la Giornata nazionale degli Stati vegetativi. In merito alla decisione il Sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella dichiarò:

“è molto importante, in particolare in questo momento di acceso dibattito, che dal prossimo anno il 9 febbraio sia la Giornata Nazionale degli Stati Vegetativi. A volerla fortemente sono state le associazioni dei familiari delle persone che vivono in questa condizione, che hanno lavorato al Libro Bianco del Ministero della Salute. Questa data ricorda a tutti noi l’anniversario della morte di Eluana Englaro, una ragazza affetta da disabilità grave la cui vita è stata interrotta per decisione della magistratura. Con questa giornata il ricordo di Eluana non sarà più una memoria che divide ma un momento di condivisione per un obiettivo che ci unisce tutti. Da oggi sarà un’occasione preziosa in più per ricordare a tutti noi quanto è degna l’esistenza di tutti coloro che vivono in stato vegetativo e non hanno voce per raccontare il loro attaccamento alla vita. Questa giornata sarà anche un appuntamento per fare il punto scientifico su tutte le scoperte su queste situazioni di cui sappiamo ancora troppo poco. E potrà rappresentare una finestra di visibilità per queste persone e le famiglie che le accudiscono amorevolmente, troppo spesso coscientemente accantonate dai media che si rivolgono al grande pubblico, come ha dimostrato la recente vicenda della trasmissione Vieni via con me.

Redazione salute.gov.it - Comunicato stampa n. 382 del 26 novembre 2010

 
Mi unisco a tutti i “ricercatori della verità” che con serenità e rigore scientifico contribuiranno durante questa giornata (e non solo) a chiarire lo “stato dell’arte” in materia di stati vegetativi. In questo blog già mi sono occupato di tale argomento nei seguenti articoli che chiariscono, per chi vuol ascoltare senza pregiudizi, la realtà dei fatti:




Bedside solution for identifying individuals wrongly diagnosed as vegetative state (VS)

1 commento:

  1. Grazzie per la notizia.
    Prof Martha Tarasco Messico U. Anahuac

    RispondiElimina