mercoledì 21 marzo 2012

XXIX Incontro del Gruppo di Neurobioetica: 23 marzo 2012


Ateneo Pontificio Regina Apostolorum
Istituto Scienza e Fede
Cattedra Unesco di Bioetica e Diritti Umani
Gruppo di Neurobioetica

XXIX Incontro del Gruppo di Neurobioetica
Roma, venerdì 23 marzo 2012



Essere, conoscere e la legge naturale secondo le neuroscienze e la filosofia di San Tommaso d’Aquino
Being, knowing and the Natural Law according to the Neurosciences and the Philosophy of Saint Thomas Aquinas

ore 16:30-19:00
Ateneo Pontificio Regina Apostolorum
AULA TESI Ingresso libero

Presentazione
“La storia della scienza nel ventesimo secolo è segnata da indubbie conquiste e da grandi progressi. Purtroppo, l'immagine popolare della scienza del ventesimo secolo è a volte caratterizzata in modo diverso, da due elementi estremi. Da una parte, la scienza è considerata da alcuni come una panacea, dimostrata dai risultati importanti del secolo scorso. In effetti, i suoi innumerevoli progressi sono stati talmente determinanti e rapidi da avvalorare, apparentemente, l'opinione secondo la quale la scienza potrebbe rispondere a tutte le domande circa l'esistenza dell'uomo e anche alle sue più alte aspirazioni. Dall'altra parte, ci sono quelli che temono la scienza e se ne allontanano a causa di certi sviluppi che fanno riflettere, come la costruzione e l'uso terrificante di armi nucleari.
Di certo, la scienza non è definita da nessuno di questi due estremi. Il suo compito era e rimane una ricerca paziente e tuttavia appassionata della verità sul cosmo, sulla natura e sulla costituzione dell'essere umano. In questa ricerca ci sono stati molti successi e molti fallimenti, trionfi e battute d'arresto. […] Ciò non di meno, anche i risultati provvisori sono un contributo reale alla scoperta della corrispondenza fra l'intelletto e le realtà naturali […].
I progressi compiuti nella conoscenza scientifica nel ventesimo secolo, in tutte le sue varie discipline, hanno portato a una consapevolezza decisamente maggiore del posto che l'uomo e questo pianeta occupano nell'univer-so. […] Ai giorni nostri, gli scienziati stessi apprezza-no sempre di più la necessità di essere aperti alla filo-sofia per scoprire il fondamento logico ed epistemo-logico della loro metodologia e delle loro conclusioni. Da parte sua la Chiesa è convinta del fatto che l'attività scientifica benefici decisamente della consapevolezza della dimensione spirituale dell'uomo […]. L'esperien-za dello scienziato quale essere umano è quindi quella di percepire una costante, una legge, un logos che egli non ha creato, ma che ha invece osservato: infatti, esso ci porta ad ammettere l'esistenza di una Ragione onnipo-tente, che è altro da quella dell'uomo e che sostiene il mondo. Questo è il punto di incontro fra le scienze naturali e la religione. Di conseguenza, la scienza diventa un luogo di dialogo, un incontro fra l'uomo e la natura e, potenzialmente, anche fra l'uomo e il suo Creatore […]. Nel momento in cui i risultati sempre più numerosi delle scienze accrescono la nostra meraviglia di fronte alla complessità della natura, viene sempre più percepita la necessità di un approccio interdisciplinare legato a una riflessione filosofica che porti a una sintesi”.

Benedetto XVI, Discorso ai partecipanti del Gruppo di Studio sulla Neuroplasticità ed Educazione, Roma, 28 ottobre 2010.

Programma

16:30 Introduzione ai lavori
Rafael Pascual
Direttore dell’Istituto Scienza e Fede, APRA
16:45 Il processo conoscitivo secondo Tommaso D’Aquino a confronto con le neuroscienze
Cloe Taddei Ferretti
Istituto di Cibernetica, CNR, Pozzuoli, Epistemologia, PFTIM, Sez. San Luigi, Napoli
17:15 Mente-Persona. Ricognizioni filosofiche
Armando Savignano
Ordinario di Filosofia Morale dell’Università di Trieste, Docente di Bioetica dell’UPRA
17:45 Natura ed etica. Tra scienza, filosofia e teologia
Aldo Vendemiati
Ordinario di Filosofia Morale nella Pontificia Università Urbaniana
18:15 Dibattito
19.00 Conclusione dei lavori, rinfresco


In collaborazione con:
- STOQ (Science Theology and the Ontological Quest)
- Facoltà di Filosofia
- Facoltà di Bioetica

Info.

Nessun commento:

Posta un commento