martedì 5 novembre 2013

Edith Stein: La struttura della persona umana

Domani, mercoledì 6 novembre 2013, il professor Alberto Carrara, LC parteciperà, presso l'aula Paolo VI della Pontificia Università Lateranense, alla prima lezione del corso di Antropologia filosofica intitolato: Edith Stein - La struttura della persona umana (novembre 2013-marzo 2014) diretto dall'amica e collega prof.ssa Angela Ales Bello.


Questa prima lezione inaugurale del corso, verrà impartita dalla medesima prof.ssa Ales Bello e l'argomento che verrà sviluppato sarà: "L'antropologia filosofico-fenomenologica del fondatore delle scienze umane" (Capitolo I, II).


Il prof. Carrara accompagnerà al Corso un nutrito gruppo di studenti di filosofia dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.


L'approccio fenomenologico, come ha avuto modo di evidenziare la prof.ssa Ales Bello in numerose pubblicazioni e conferenze, non ultima, la pubblicazione monumentale: "... e la coscienza? Fenomenologia Psico-patologia Neuroscienze" (Ed. Laterza, Bari, 2012), può certamente aiutare la riflessione neuroetica che in questi ultimi anni sta imperando in molti ambiti, non soltanto neuroscientifici, ma anche, e forse in maniera preponderante, in contesto filosofico. 



La Fenomenologia, quale "elaborazione teoretica che muove dalla ricerca di un punto di partenza radicale e originario per la conquista intellettuale, riflessa, del significato della realtà" (A. Ales Bello, Coscienza Io Mondo. La fenomenologia di Edmund Husserl, in: "... e la coscienza? Fenomenologia Psico-patologia Neuroscienze", Ed. Laterza, Bari, 2012, p. 103) che ha come "programma" quello della "ricerca di ciò che è vero nella misura in cui si manifesta, si mostra con le sue caratteristiche essenziali, con il suo senso" (p. 14), in questi anni sta dimostrando essere l'interlocutore filosofico (se così mi è consentito considerarlo) delle neuroscienze, meglio, dei neuroscienziati che cercano di districare l'antico e imperterrito "problema della struttura dell'essere umano" (p. 27). 






Nessun commento:

Posta un commento