venerdì 16 maggio 2014

BrainForum: Brain Piano – pianoforti e onde cerebrali


La suggestiva chiesa barocca di via Moscova, sede di Mediateca Santa Teresa - Biblioteca Nazionale Braidense a Milano, ospiterà, domani sabato 17 maggio, un evento speciale curato da VISIONICA e da YAE: Brain Piano, due giorni di concerti, installazioni interattive e conferenze che indagano il connubio tra l’attività cerebrale e la musica pianistica. Il progetto è curato da un ecclettico compositore e musicista e da uno degli odierni prominenti neuroscienziati: Martin Monti.

Sul sito ufficiale del BRAIN FORUM si può leggere la storia e scaricare QUI calendario e programma dell’evento.

BRAIN PIANO CONCERTO
Una prima assoluta: concerto per quattro pianoforti e Brain Wave Box. I pianisti eseguiranno una partitura originale modulare controllata dalle onde cerebrali del pubblico.

Il concerto si basa sul sistema di controllo a onde cerebrali Brain Wave Box realizzato da Torrevado applicato alla suite originale "4.a.l." composta da Yae in cui ogni singolo pianista ha a disposizione cinque parti combinabili per un totale di 1.295 combinazioni, 1.760 tasti e 24.614 note. A turno il pubblico potrà indossare una speciale cuffia che rileva le attività elettriche del cervello; il software Brain Wave Box, che analizza e classifica l'attività cerebrale, invierà ai pianisti le istruzioni per eseguire la partitura.
L'evento è realizzato con pianoforti ibridi, espressione più recente dell'alta tecnologia Yamaha.

Ecco le brevi biografie dei due neuroscienziati che interverranno nell'evento.

Martin M. Monti (24.05.78) è professore presso la University of California Los Angeles (UCLA) nei dipartimenti di Psicologia e Neurochirurgia. Laureato all’Università L Bocconi (2002) in Discipline Economiche e Sociali, lavorando sull’integrazione di psicologia cognitiva e teoria dei giochi, ha poi conseguito, presso la Princeton University, il titolo di Dottore di Ricerca (2007) in Psicologia e Neuroscienze, lavorando sulle basi neurali del ragionamento. Fra il 2007 ed il 2010 è stato ricercatore a Cambridge, UK, presso il Medical Research Council Cognition and Brain Sciences Unit (CBU) dove lavorava principalmente sui disordini della coscienza.
La sua ricerca e’ incentrata su due degli aspetti piu’ caratterizzanti della cognizione umana: la coscienza ed il rapporto fra linguaggio e pensiero. Il primo filone di ricerca e’ rivolto a capire quali siano le basi neurali della coscienza, dal punto di vista funzionale e strutturale, con particolare interesse per i disordini della coscienza come lo stato di Coma e lo Stato Vegetativo. Il secondo filone di ricerca e’ volto a delineare se e quale contributo le strutture neurali del linguaggio diano ad altri aspetti del sistema cognitivo umano, come la logica, l’aritmetica e la musica.


Arturo Nuara è nato ad Agrigento nel 1986. Ha conseguito i primi studi musicali al Conservatorio V. Bellini di Caltanissetta (diploma di teoria e solfeggio, compimento inferiore di pianoforte classico ed armonia complementare). Nel 2010 si è laureato in Medicina e Chirurgia all’università Vita-Salute San Raffaele con una tesi di neurofisiologia sperimentale riguardante plasticità del sistema dei neuroni specchio nei pianisti. Lo stesso anno, sotto la guida del M° Franco D’Andrea, ha ottenuto il diploma triennale in pianoforte jazz presso i Civici Corsi di Jazz (diretti dai MM. Enrico Intra e Franco Cerri) dell’ l’Accademia Internazionale della Musica di Milano. Medico specializzando in neurofisiopatologia, svolge attualmente attività clinica e di ricerca presso l’unità di Neurofisiologia Sperimentale (responsabile Dott. Letizia Leocani) dell’Istituto di Neurologia Sperimentale (INSPE) diretto dal Prof. Giancarlo Comi. Le sue aree di interesse scientifico riguardano principalmente lo studio dell’apprendimento motorio e della plasticità cerebrale tramite tecniche neurofisiologiche (stimolazione magnetica transcranica ed elettroencefalografia), le tecniche di stimolazione cerebrale non invasiva associate alla neuro riabilitazione e  la neuroestetica musicale.

Nessun commento:

Posta un commento