martedì 30 settembre 2014

GRAZIE: 100.000 visite totali

GRAZIE A TUTTI PER QUESTO TRAGUARDO!
CHIUDIAMO IL MESE DI SETTEMBRE CON UN OTTIMO RISULTATO

Festival dell neuroscienze 2015 ad Edinburgh

Giacomo Rizzolatti dell'Università di Parma compare tra i professori che terranno una lettura plenaria durante il Festival delle Neuroscienze ad Edinburgh

La BNA (British Neuroscience Association) che il prossimo anno festeggia i 50 anni di attività (1965-2015), ha annunciato il programma del prossimo Festival of Neuroscience che si svolgerà ad Edinburgh dal 12 al 15 aprile 2015 e riunirà neuroscienziati, neurologi, psichiatri insieme a fisiologi e farmacologi.

mercoledì 24 settembre 2014

Elementi di neurobioetica, i docenti

I docenti invitati
Il corso semestrale Elementi di neurobioetica diretto dal Prof. P. Alberto Carrara, LC che si aprirà il prossimo 16 ottobre presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma all’interno del programma del Master in Scienza e Fede, vede la partecipazione di importanti e autorevoli collaboratori, specialisti nazionali ed internazionali nei settori delle neuroscienze, psichiatria, filosofia e diritto.

Ecco i volti e i nomi degli specialisti di questo corso semestrale a carattere interdisciplinare.

Elementi di neurobioetica, presentazione

Ateneo Regina Apostolorum (Roma)
Si aprirà il prossimo 16 ottobre presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma, il corso semestrale Elementi di neurobioetica diretto dal Prof. P. Alberto Carrara, LC con la partecipazione di importanti e autorevoli collaboratori, specialisti nazionali ed internazionali nei settori delle neuroscienze, psichiatria, filosofia e diritto. 

Il corso si svolgerà tutti i giovedì pomeriggio del primo semestre 2014-2015 dalle 15.30 alle 17.15 (aula Magna, Ateneo Regina Apostolorum, Roma) e si colloca all’interno del programma del Master in Scienza e Fede che quest’anno offre la sua tredicesima edizione (vedi programma QUI).

Di seguito, una breve descrizione del corso, l’intervista al Direttore del Programma di Master Prof. P. Rafael Pascual, LC e il contatto per informazioni ed iscrizioni.  

domenica 21 settembre 2014

Neuroetica, seminario semestrale 2014-2015

Prestigiosa rivista di Neuroetica
in lingua inglese
Inizierà il prossimo lunedì 6 ottobre il corso seminariale FILS1028 Neuroetica (3 ECTS) impartito dal Prof. P. Alberto Carrara, L.C. presso la Facoltà di Filosofia dell'Ateneo Regina Apostolorum di Roma. Il corso si rivolge agli studenti del terzo anno di Filosofia. Di seguito ripostiamo il Syllabus del corso (vedi Ordo istituzionale). 

Prof. P. Alberto Carrara, LC
Descrizione del corso.
Le neuroscienze ci sorprendono ogni giorno di più con straordinarie scoperte e applicazioni innovative alla salute e alla vita dell’essere umano, sia malato, come sano. Numerose sono le idee e i concetti classici che le scienze del cervello stanno mettendo in discussione. L’impiego delle moderne neurotecnologie permette di indagare la fisiologia che è alla base delle attività cognitive umane, delle emozioni, dei diversi comportamenti, dell’affettività, etc. Il problema dell’interpretazione e applicazione dei dati empirici ha fatto sorgere una nuova disciplina, la neuroetica, vero e proprio “ponte” tra neuroscienze, filosofia e riflessione bioetica. La neuroetica non è semplicemente un nuovo ambito o settore della bioetica classica, bensì si caratterizza quale nuovo terreno di riflessione antropologica, culturale e sociale. Questo seminario intende, attraverso la lettura e la riflessione di importanti autori di questa disciplina emergente, fornire allo studente una visione d’insieme sulla natura, sullo statuto e sul metodo proprio della neuroetica.

Chi è l'uomo? Antropologia filosofica 2014-2015

Manuale sintetico, ed. ART, Roma, 2012
Si aprirà il prossimo 6 ottobre il corso istituzionale di Antropologia filosofica presso la Facoltà di Filosofia dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma. Il corso, che sino all'anno scorso è stato impartito dal Prof. P. Ramón Lucas Lucas, ordinario di Antropologia filosofica e bioetica presso la PUG (Pontificia Università Gregoriana) di Roma, quest'anno verrà diretto dal Prof. P. Alberto Carrara, L.C. (vedi Ordo Accademico)

Di seguito riportiamo la descrizione del corso che avrà un'attenzione speciale nei confronti delle tematiche antropologiche e dei loro attuali approfondimenti e risvolti neuroscientifici (vedi Syllabus istituzionale)

venerdì 19 settembre 2014

Uso terapeutico dei cannabinoidi

Immagine tratta dal sito del Corriere della sera di quest'oggi. 

Cannabis curativa, quanti dubbi

Alberto Carrara, LC

Così titolava Viviana Daloiso ieri su Avvenire (Avvenire, 18 settembre 2014). Per l'interesse nell'ambito degli effetti neurologici delle sostanze d'abuso, riporto di seguito il testo dell'articolo della Daloiso, sottolineandone alcune parti. 


giovedì 18 settembre 2014

Adverse Health Effects of Marijuana Use


Read more HERE

Marijuana e cervello

Dalla prima pagina del Corriere della sera
del 3 settembre 2014
Può danneggiare la salute e lo studio. Ecco perché diffidare della marijuana”. Titolava così un articolo firmato da Giuseppe Remuzzi sul Corriere della Sera dello scorso 3 settembre (foto dalla prima pagina). Riportiamo il testo di seguito.

Crea dipendenza in un ragazzo su due se viene fumata tutti i giorni. Secondo le ricerche effettuate sugli animali, favorirebbe l’accesso ad altre droghe.

martedì 16 settembre 2014

lunedì 15 settembre 2014

Una neuro-immagine sensazionale

Ha condotto una vita normale, senza particolari problemi. In Cina, una ragazza ha scoperto soltanto ora, dopo 24 anni, di non avere una parte fondamentale del sistema nervoso centrale: il cervelletto. Leggi l'articolo su BRAIN QUI

Living patient without the cerebellum

A new case of complete primary cerebellar agenesis:
clinical and imaging findings in a living patient. Read the article HERE

Il potenziamento non è evoluzione!

Il prof. Carrara in visita al MUSE,
il museo della scienza di Trento
di Alberto Carrara, LC *

Sabato scorso sul Corriere della Sera Massimo Gaggi intitolava: “Le previsioni dell’antropologo Cadell Last, ricercatore del Global Brain Institute. Dal 2050 l’uomo si evolverà: cervello più grande e vivremo fino a 120 anni. Secondo lo studioso faremo meno figli e molto più tardi nella vita, ci saranno protesi anche per migliorare le attività cerebrali”.

Un titolo importante e, soprattutto eclatante. Ma consideriamone i contenuti.

Secondo l’antropologo evoluzionista Cadell Last, ricercatore del Global Brain Institute: “Entro il 2050 l’«homo sapiens» evolverà in qualcosa di diverso. L’impatto delle innovazioni tecnologiche e l’allungamento della vita che già sta cambiando il nostro «orologio biologico» (i tanti bimbi partoriti da 40enni e, ormai, anche 50enni) modificherà in modo radicale la nostra natura: vivremo fino a 120 anni, avremo cervelli più grossi e organi sessuali più piccoli”.

venerdì 12 settembre 2014

Transcendence, a good neuro-film

Read the article HERE

Transcendence

di Alberto Carrara, LC *

“Macchine intelligenti ci permetteranno presto di vincere le sfide più difficili”. Così inizia il trailer italiano del neuro-film Transcendence, uscito nelle sale cinematografiche il 17 aprile scorso.

Sulla scia del recente editoriale The mythical brain di Nature Neuroscience in cui viene criticato neuroscientificamente il film di Luc Besson Lucy che uscirà a breve (il 25 settembre) e dove vengono invece applauditi altri neuro-film come Se mi lasci ti cancello, (Nature Neuroscience, 17, 1137; 2014, doi:10.1038/nn.3802 –  Published online 26 August 2014), riprendo alcune frasi emblematiche di Transcendence. Tema candente è quello relativo alla coscienza umana e alla sua presunta riducibilità alle connessioni elettrochimiche cerebrali.

giovedì 11 settembre 2014

The mythical brain

L'editoriale di Nature Neuroscience in cui si critica
il nuovissimo film di Luc Besson, Lucy. Leggi QUI.

Lucy: neuro-film e neuro-flop

di Alberto Carrara, LC *

Se ci fosse un modo di utilizzare il 100% del nostro cervello, cosa saremo in grado di fare?”. È questa la domanda (sbagliata in tronco) che il professor Samuel Norman (Morgan Freeman) pone agli interlocutori nel nuovissimo film di Luc Besson intitolato Lucy che uscirà in Italia il prossimo 25 settembre. 

La rivista Nature Neuroscience, nel suo ultimo numero di pochi giorni fa, apre con un editoriale riferendosi proprio a Lucy (Nature Neuroscience, 17, 1137; 2014, doi:10.1038/nn.3802 –  Published online 26 August 2014).

Certamente, come fa presagire il titolo (The mythical brain), l’editoriale critica neuroscientificamente i loghi comuni che sottendono la trama del film di Luc Besson.

Consideriamone, innanzittutto, i sommi capi.

mercoledì 10 settembre 2014

Neuroanatomy Predicts Individual Risk Attitudes: article

Leggi l'articolo QUI.

Neuroanatomy Predicts Individual Risk Attitudes

Ecco uscito l'ultimo numero della rivista in cui compare l'articolo sulla neuro-economia:
La struttura cerebrale può predire un comportamento a rischio

Anatomia cerebrale e rischio comportamentale

Portale Notizie dell'Università di Yale
di Alberto Carrara, LC *

Oggi, sul portale della rivista The Journal of Neuroscience, sul nuovo volume settimanale, verrà pubblicato un articolo di interesse nel campo delle neuroscienze comportamentali legate all'economia (neuro-economia). La notizia è stata lanciata ieri (9 settembre) sul portale della sala stampa della Yale University e poi ripreso da NeuroscienceNews.Com con questo titolo: Brain Structure Could Predict Risky Behavior (La struttura cerebrale può predire un comportamento a rischio).