giovedì 30 luglio 2015

Matthews Bailey, la forza di volontà corona il sogno

di Alberto Carrara, LC

Si chiama “paralisi cerebrale infantile”. È una malattia neuromotoria che colpisce circa un bambino ogni 500 nati. Dovuta a un danno irreversibile, ma non progressivo del sistema nervoso centrale (SNC), l’eziologia di questo disturbo persistente è multipla. Il termine “persistente” è impiegato per indicare che la lesione a carico del cervello non è suscettibile di guarigione in senso stretto, ma la patologia non tende al peggioramento. Le ripercussioni colpiscono il sistema muscolo scheletrico, progrediscono e peggiorano durante tutta la vita e specialmente durante il periodo di crescita del bambino e possono essere associate a deficit cognitivi.

Un bambino di 8 anni affetto da questa patologia sta commuovendo il mondo per la sua incredibile tenacia e forza di volontà. Matthews Bailey non si è lasciato demordere, ha sognato e ha portato a compimento il suo sogno: correre fino al traguardo una gara di triathlon!

A Castle Howard il sogno è diventato realtà, la volontà di Matthews ha prevalso sulla sua condizione neurofisiologica.

Per percorrere l’ultimo tratto, Matthews ha lasciato andare il sostegno al quale si era appoggiato. Inevitabile l’abbraccio commosso del papà al traguardo. 


Emozionata anche la madre, che al ‘Daily Mail’ ha dichiarato:

“È sempre stato molto determinato. Se si mette in testa qualcosa, state sicuri che lo farà, anche se magari non in maniera convenzionale. Fatica sempre per cose che gli altri bambini danno per scontato, come per esempio il fatto di vestirsi. Ogni giorno per lui è più difficile ma Bailey non si scoraggia, non si ritiene diverso dagli altri. E noi, come genitori, abbiamo sempre cercato di dimostrargli che se c’è qualcosa che vuole fare noi saremo dalla sua parte. Bailey è per noi una grande fonte di ispirazione”.

1 commento:

  1. Bellissimo e commovente! grazie! Esemplare bimbo, il suo esempio di volontà forte e tenace da seguire!

    RispondiElimina