martedì 31 maggio 2016

Roboetica: la robotica ha bisogno di una guida etica?

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica

Non c’è dubbio: la scienza ha bisogno dell’etica come l’etica ha bisogno della scienza! Ma oggi presenterò un caso più teso alla prima parte della mia esclamazione.
L’anno scorso, a fine luglio (2015), a più riprese su questa pagina commentavo il neologismo “cybersecurity” e gli scenari di sviluppo tecno-robotico che si prospettano per il 2050. Perché questa data così precisa? Beh, soltanto perché è quella indicata ad un gruppo di specialisti in neuroscienze, robotica, strategie belliche, etc. che si sono riuniti l’anno scorso negli USA per sviluppare il “campo di battaglia” futuro.
Con la mente che rieccheggiava film come Automata (2015) ed Ex Machina (2015), titolavo un primo post con la domanda Cybersecurity: nel 2050 i robot ci difenderanno? e il successivo Cybersecurity:nel 2050 insieme ai robot i superumani.

Oggi, vorrei soltanto segnalare in questo campo neurobioetico che ha già fatto sorgere correnti come quelle relative al trans e post-umanismo, il breve e ben articolato volume di Spyros G.Tzafestas edito da Springer, intitolato quest’anno (2016) Roboethics. Nei prossimi giorni approfondirò recentissimi scenari in merito.  


L’autore del volume, il professor Spyros G. Tzafestas, esperto mondiale di tecnologia, per anni alla guida di diversi gruppi di ricerca del National Technical University of Athens (NTUA), School of Electrical and Computer Engineering (SECE) & Institute of Communication and Computer Systems (ICCS), direttore del Intelligent Automation Systems (IAS) Research Group, Signals, Control and Robotics Division - SECE, NTUA, definisce la “roboetica” (robot + etica) come un ramo dell’etica applicata, cioè una riflessione filosofica, e perciò sistematica ed informata, che, nello specifico, studia le conseguenze tanto positive, come negative, dei robot nella società allo scopo di suscitare la progettazione, lo sviluppo e l’uso morale dei robot, in particolare dei robot “intelligenti” ed “autonomi”[1].




[1] Roboethics (robot ethics) is the branch of applied ethics that studies the positive and negative implications of robots to society, aiming at inspiring the moral design, development and use of robots, especially of intelligent and autonomous robots.

Nessun commento:

Posta un commento