martedì 21 giugno 2016

Cambridge Scholars, Frontiers in Neuroethics

di Alberto Carrara, L.C.
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN)

All’inizi di febbraio di quest’anno (2016) Cambridge Scholars ha pubblicato, nella sezione di filosofia, il volume curato dall’italiano Andrea Lavazza intitolato Frontiere della Neuroetica (Frontiers in Neuroethics. Conceptual and Empirical Advancements). 160 pagine, 8 contributi articolati in due sezioni: la prima riguardante le prospettive teoretiche della Neuroetica; mentre la seconda affronta le prospettive pratiche, cioè più applicative.
Consiglio questo volume per approfondire ulteriormente sulla neuroetica o neurobioetica, tanto nei suoi risvolti clinici riguardanti la coscienza personale, le applicazioni neurotecnologiche (come la stimolazione cerebrale profonda o DBS) a modulare aspetti della personalità, eccetera; come, e direi, soprattutto, per l’approfondimento teoretico allo statuto epistemologico della stessa neuroetica.

Sulla scia del monumentale Handbook of Neuroethics (Springer 2015) nel quale la neurobioetica viene definita come «riflessione sistematica ed informata sulla neuroscienza ed interpretazione della stessa neuroscienza», che include, oltre alla neuroscienza, «le correlative scienze della mente (la psicologia in tutte le sue molteplici forme, la psichiatria, l’intelligenza artificiale e così via), allo scopo di capire i loro risvolti per l’autocomprensione umana e i pericoli e le prospettive delle loro applicazioni»[1], interessante che in questo nuovissimo Frontiers in Neuroethics (Cambridge Scholars 2016) si parli della neuroetica quale nuovo contesto (framework) che muove dalla bioetica verso l’antropologia.
Nei prossimi giorni approfondirò nell’introduzione del volume del collega e amico Andrea Lavazza.


[1] Cf. J. Clausen – N. Levy (ed.), Handbook of Neuroethics, Springer, Dordrecht 2015, 3 volumi, XXIII sezioni, 117 capitoli, pp. 1850; ISBN: 978-94-007-4706-7 (Print) 978-94-007-4707-4 (Online), p. vi. Il testo originale afferma: «Neuroethics is systematic and informed reflection on and interpretation of neuroscience, and related sciences of the mind (psychology in all its many forms, psychiatry, artificial intelligence, and so on), in order to understand its implications for human self-understanding and the perils and prospects of its applications».

Nessun commento:

Posta un commento