giovedì 20 ottobre 2016

Neuroleadership. Leadership tra scienza ed etica

Neuroleadership. Domani venerdì 21 ottobre, all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (APRA) di Roma, dalle 10:00 alle 12:00 si svolgerà il seminario mensile aperto al pubblico del Gruppo di ricerca in Neurobioetica (GdN) che toccherà questo mese una tematica d’avanguardia, sia dal punto di vista neuroscientifico, come dalla prospettiva sociale, formativa e culturale: la leadership.
L’incontro, in modalità tavola-rotonda, è stato intitolato Leadership tra scienza ed etica. Una rivoluzione antropologica nell’educazione delle nuove classi dirigenti.
Organizzato dai membri del neonascente INNEL, l’Istituto Italiano di NeuuroLeadership (di cui alcuni membri del GdN fanno parte), l’evento si inserisce all’interno dell’attività di ricerca del GdN.
Ad intervenire saranno diversi professionisti in una cornice interdisciplinare. Di seguito il programma dettagliato e la vision e mission dell'INNEL.  

L'Istituto INNEL nasce nel 2016 con lo scopo di promuovere la ricerca, la formazione, l'educazione, lo stimolo allo studio, l'indirizzo alla pratica applicativa e la diffusione delle conoscenze nell'ambito della Neuroleadership.
La Neuroleadership è l'applicazione delle neuroscienze, ovvero degli studi scientifici sul cervello umano, alle dinamiche dei gruppi e delle relazioni in campo sociale, cognitivo e affettivo. Il termine ha iniziato a diffondersi dopo esser stato usato per la prima volta nel 2011 sulla rivista americana "Strategy+Buisness" da David Rock con lo scopo di integrare le conoscenze neuro-scientifiche nei settori del management training, del change management e del coaching.
INNEL nasce in Italia dall'esigenza di approfondire la ricerca neuro-scientifica e di portare i risultati di tali ricerche nella vita sociale del singolo individuo, in qualsiasi ambiente in cui si trovi ad operare, al fine di contribuire alla sua capacità di gestire i cambiamenti e migliorare gli approcci di interazione tra individui. Per perseguire ciò, INNEL si avvale al suo interno di un contesto interdisciplinare, dove operano professionisti competenti nel campo delle neuroscienze, della medicina, delle biotecnologie, dell' antropologia, della filosofia, della psicologia del lavoro, dell' ingegneria, dell'organizzazione aziendale, del diritto, con lo scopo di mirare all'educazione delle generazioni verso un modello di Neuro-leader in possesso di strumenti culturali, ma anche e soprattutto valoriali, che siano in grado accogliere opportunità e superare gli ostacoli della società odierna, interconnessa, transnazionale e globalizzata.
L'Istituto persegue pertanto i suoi obiettivi lungo le direzioni di seguito descritte.

v    VISION
Educare le nuove generazioni, superando i confini nazionali, verso un nuovo modello di Leadership che coltivi e migliori le proprie qualità etico comportamentali,  in un contesto in continuo cambiamento, di crescente complessità, per cui non è più sufficiente l'utilizzo dei paradigmi tradizionali adottati fino ad oggi.
       
v    MISSION
Sviluppare le attività sostanzialmente lungo quattro direzioni:

         -RICERCA, in collaborazione con Università, Centri di Ricerca, Fondazioni,          ecc... presenti non solo sul territorio nazionale, ma anche internazionale;
   
     -DIVULGAZIONE, attraverso convegni, workshop, conferenze, con il fine di              dare diffusione dei risultati di ricerca e far crescere il dibattito sui temi       studiati;

    -FORMAZIONE, attraverso l'organizzazione di corsi intensivi e master in           Neuroleadership;


    -CONSULENZA ad Istituzioni, Aziende, Enti, gruppi di lavoro, in materia         di Neuroleadership e sviluppo personale.

Prima conferenza magistrale di Neuroleadership, 2015

Nessun commento:

Posta un commento