domenica 24 dicembre 2017

Un sereno Natale e un nuovo anno 2018 ricco di speranza e pace

Messaggio del prof. P. Alberto Carrara, L.C., coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN), membro corrispondente della Pontificia Accademia per la Vita (PAV) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani. Carissimi lettori amici, cari membri del Gruppo di ricerca in Neurobioetica (GdN), carissimi studenti del corso di perfezionamento ‘Neurobioetica e Transumanesimo’, buona giornata. Vorrei augurare a voi e alle vostre famiglie un sereno e santo Natale e un nuovo anno 2018 ricco di speranza e paceVi allego un testo di San Giovanni Paolo II che mi ha sempre ispirato: si tratta del discorso che fece il 17 novembre 1990 in occasione della V conferenza internazionale sul tema ‘La mente umana’ promossa dal Pontificio Consiglio della pastorale per gli operatori sanitari. Riprendo alcuni passaggi chiave che sento si riferiscano a ciascuno di noi come ricercatori del GdN, come amici e collaboratori, come studenti e docenti coinvolti nella riflessione interdisciplinare della neurobioetica:

A voi, pertanto, va il mio plauso e incoraggiamento, a voi - dico - scienziati, medici, ricercatori, studiosi e pastori d’anime, che con appassionato impegno vi dedicate allo studio del nobilissimo e profondissimo tema della mente umana, nella quale la fede, illuminando le motivazioni razionali, ci aiuta a scorgere una delle più alte conferme dell’origine divina dell’uomo. È infatti per voi motivo di fierezza, e per noi tutti di ammirazione, evocare le grandi e ardite conquiste, realizzate in questo secolo, nella progressiva conoscenza della psiche umana. Il campo sconfinato delle neuroscienze - dalla neurobiologia alla neurochimica, dalla psicosomatica alla psiconeuro-endocrinologia - offre alla ricerca la possibilità di avvicinarsi in modo particolarmente penetrante alla soglia del mistero stesso dell’uomo. Un mistero che sant’Agostino esprimeva mirabilmente con le note parole: “Factus sum mihimetipsi quaestio; Sono diventato io stesso un grande problema per me” (Soliloquia, II, 34.)’ (n. 1, San Giovanni Paolo II).

‘[…] le neuroscienze, che sono, illustri professori, il campo eletto delle vostre dotte ricerche, le quali quotidianamente - si può ben dire - aprono nuovi orizzonti, non possono prescindere da questi essenziali e irrinunciabili postulati. In altre parole, per studiare la mente non si potrà mai trascurare l’intera verità sull’uomo, nella sua compatta unità di essere fisico e spirituale; pur muovendosi su base sperimentale la vostra ricerca non potrà ignorare questa seconda e qualificante dimensione. Il tentativo di spiegare il pensare e il volere libero dell’uomo in chiave meccanicistica e materialistica porta inevitabilmente alla negazione della persona e della sua dignità, con conseguenze che hanno gettato gravi e tragiche ombre sulla storia umana del passato e anche del nostro tempo.
Oggi si parla di “intelligenza artificiale” alludendo alle straordinarie possibilità dei “cervelli elettronici”. Conviene tuttavia sempre ricordare che nella base dell’informatica e della cibernetica sta il dato superiore dell’intelligenza umana che, proprio per il suo carattere spirituale e per la conseguente sua irriducibilità ai soli fenomeni fisico-chimici, nel comprendere liberamente giudica, nel capire può anche scegliere, nel conoscere intravede il suo destino ultimo’ (n. 3, San Giovanni Paolo II).

‘Il dialogo interdisciplinare ad altissimo livello, lo scambio di conoscenze e di esperienze, le costruttive ipotesi che avete formulato nel corso di questa Conferenza così rappresentativa delle diverse scienze che affrontano lo studio della mente umana, non mancheranno di favorire una maggiore sensibilità, individuale e sociale, nei confronti della vasta e complessa problematica legata a questo tema’ (n. 3, San Giovanni Paolo II).

Rinnovo a tutti i miei più sentiti auguri di Natale e di un sereno inizio del nuovo anno 2018.

Il nostro prossimo evento si svolgerà il 26 gennaio 2018, ore 17:00, in sede a Roma (via degli Aldobrandeschi, 190) o in diretta streaming cliccando qui. A presto.

Nessun commento:

Posta un commento