venerdì 28 febbraio 2014

Settimana Mondiale del Cervello a Roma e Milano: Memoria e Alzheimer


Memoria umana e malattia di Alzheimer (Memory and Alzheimer disease): è la tematica scelta per l’evento-congresso che si terrà giovedì 13 marzo 2014 dalle ore 15:30 alle 19 presso l’Aula Master dell’Ateneo Regina Apostolorum di Roma (via degli Aldobrandeschi, 190 – 00163 Roma), nell’ambito della Settimana Mondiale del Cervello, la BAW 2014 (Brain Awareness Week 2014) promossa dalla prestigiosa DANA Foundation.

Nei prossimi giorni si presenterà l’evento, il programma, i relatori e si forniranno gli abstracts degli interventi.

mercoledì 26 febbraio 2014

Mente-corpo: il rapporto tra intelligenza e cervello, una sintesi

sintesi di Alberto Carrara, LC

Mente-corpo: il rapporto tra intelligenza e cervello è stato il titolo e l’argomento svolto ieri pomeriggio (martedì 25 febbraio 2014) nell’ambito del Master in Scienza e Fede dell’Ateneo Regina Apostolorum di Roma, dal professor P. Rámon Lucas Lucas, LC, ordinario di Antropologia filosofica e Bioetica della Pontificia Università Gregoriana di Roma (PUG).

Ecco, di seguito, una sintesi degli argomenti trattati.

domenica 23 febbraio 2014

Esiste il “cervello musicale”?

di Alberto Carrara, LC

In quest’era neuro-centrica, si parla spesso di “cervello” e lo si “condimenta” con tutte le salse e lo si “cucina” in modo che sappia un può a tutto, insomma, che sia il più possibile ubiquitario. Così si parla anche di “cervello musicale” (The Musical Brain)!
Ma a cosa ci stiamo riferendo con questo termine?

Ecco allora che un progetto di ricerca scientifica sul cervello dei musicisti, specie grandi musicisti, promosso dalla Johns Hopkins Medicine e finanziato dalla the Dana Foundation e dal the Brain Science Institute of the Johns Hopkins University School of Medicine, è stato pubblicato pochi giorni fa sulla rivista PLSO e ripreso poi anche dal The Journal of Neuroscience.

sabato 22 febbraio 2014

Conscience & Consciousness - 2

Here is the general introduction that Professor Fr. Alberto Carrara, LC, Coordinator of the Italian Research Group in Neurobioethics adressed yesterday afternoon at the beginning of the XXXVIII Seminary of the Italian Research Group in Neurobioethics: Conscience & Consciousness by Dr. Robert Hesse, Ph.D.

"Welcome to everybody to our monthly seminary dedicated to Conscience and Consciousness. As the Coordinator of the Italian Research Group in Neurobioethics, on behalf of our two Board Directors: Professor Alberto Garcia, director of the UNESCO Chair in Bioethics and Human Rights and Professor Father Rafael Pascual, LC, director of the Science and Faith Institute of the Regina Apostolorum University here in Rome, I want to welcome doctor Robert Hesse: thanks so much for coming and for sharing with us today your insights in these topics related to neurosciences and human being.


giovedì 20 febbraio 2014

Conscience & Consciousness

Domani 21 febbraio alle ore 17:00 presso l'aula Tesi (primo piano) dell'Ateneo Regina Apostolorum di Roma, il prof. Robert Hesse impartirà la conferenza Conscience & Consciousness nell'ambito dell'incontro mensile del Gruppo di Ricerca in Neurobioetica (GdN). Il presidente del Contemplative Network (CN) presenterà l'avvincente tematica relativa alla coscienza personale e alla consapevolezza di sé, cercando di gettare un pò di luce su un aspetto della persona umana così studiato e dibattuto. Per approfondire sul tema consigliamo il recente volumetto di Massimo Gandolfini: I volti della coscienza. Il cervello è organo necessario ma non sufficiente per spiegare la coscienza, Cantagalli, Siena 2013. 

Neuroscience & Neurotheology – 2

Martedì 18 febbraio, presso l'aula Magna dell'Ateneo Regina Apostolorum, si è svolta la conferenza Neuroscience & Neurotheology tenuta dal prof. Robert Hesse, co-fondatore e presidente del Contemplative Network (CN).

Zenit ha presentato così l’evento:

Il mondo visto da Roma - Servizio quotidiano - 17 Febbraio 2014
Domani, alle 15.30, presso l'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, l'incontro con il prof. Robert J. Hesse, presidente del "Contemplative Network"

mercoledì 19 febbraio 2014

Coscienza e libertà tra filosofia e neuroscienze – 1

Ieri, martedì 18 febbraio 2014 è iniziato il corso seminariale FS1020 Coscienza e libertà tra filosofia e neuroscienze impartito dal prof. Alberto Carrara, LC. Alla sua prima edizione come corso seminariale, mentre l’anno precedente è stato offerto come corso opzionale, questo seminario si terrà ogni martedì dalle 15:30 alle 17:15 presso la Facoltà di Filosofia dell’Ateneo Regina Apostolorum di Roma (via degli Aldobrandeschi, 190).

Di seguito presentiamo il syllabus del corso e una sua breve introduzione.

Descrizione del corso.
Sin dai tempi più remoti, il tema della coscienza e del suo rapporto con la libertà umana ha coinvolto l’interesse dei migliori pensatori. Oggigiorno, mentre da una parte vengono confermati i risultati neuroscientifici condotti, sin dagli anni settanta, da Benjamin Libet, dall’altra si diffonde un clima scettico relativo alla coscienza personale e alla libertà d’azione. 

lunedì 17 febbraio 2014

Neuroscience & Neurotheology


Domani martedì 18 febbraio, presso l'aula Magna dell'Ateneo Regina Apostolorum, il prof. Robert Hesse, co-fondatore e presidente del Contemplative Network (CN), impartirà una conferenza all'interno del Master in Scienza e Fede dal titolo: 
Neuroscience & Neurotheology. 

domenica 16 febbraio 2014

Rapporto mente-cervello nell’unità della persona umana - 1

Domani, lunedì 17 febbraio 2014 inizia il corso seminariale FS1019 Rapportomente-cervello nell’unità della persona umana impartito dal prof. Alberto Carrara, LC. Alla sua terza edizione, questo seminario si terrà ogni lunedì dalle 15:30 alle 17:15 presso la Facoltà di Filosofia dell’Ateneo Regina Apostolorum di Roma (via degli Aldobrandeschi, 190).

Di seguito il syllabus del corso e una breve introduzione.

Descrizione del corso.
Il rapporto mente-cervello (anima-corpo) è una delle tematiche filosofiche che non ha mai lasciato in pace quel ricercatore della verità che è l’essere umano. Il seminario intende presentare, attraverso la lettura ed analisi di testi filosofici selezionati, l’intricato percorso diacronico del rapporto mente-cervello (anima-corpo), all’interno di una prospettiva filosofica di sintesi antropologica che tenga costantemente sull’orizzonte l’unità della persona umana. Il seminario aiuterà altresí la preparazione dei temi di sintesi riguardanti l’antropologia filosofica. 

sabato 15 febbraio 2014

La Neurobioetica al 2014 AAAS Annual Meeting di Chicago

di Alberto Carrara, LC

Dal 13 al 17 febbraio 2014 a Chicago (USA) si sta svolgendo The 2014 AAAS Annual Meeting, l’annuale incontro promosso dall’American Association for the Advancement of Science (AAAS) con sede a Washington. Oltre 150 sessioni dedicate ai recenti sviluppi scientifici e tecnologici.

Il programma dell’incontro si può consultare qui.

Giovedì 13 febbraio, Phillip A. Sharp, AAAS President, professore ordinario presso il Koch Institute for Integrative Cancer Research del MIT (Massachusetts Institute of Technology) ha aperto i lavori con una conferenza magistrale che si può riascoltare qui.

La domanda sorge spontanea: per noi appassionati del “neuro”, cosa c’è da segnalare?

giovedì 13 febbraio 2014

Un possibile modello biofisico cerebrale per la presa di decisione

di Alberto Carrara, LC

Pubblicato online il 9 febbraio 2014 sulla prestigiosa rivista scientifica Nature Neuroscience, l’articolo intitolato: Aneural mechanism underlying failure of optimal choice with multiplealternatives, sembra sostenere una visione contro-intuitiva, una sorta di “giro di boa” nel campo neurobioetico che concerne la presa di decisione (decision-making), strettamente connessa a tematiche quali il libero arbitrio, la libertà soggettiva e la responsabilità personale e interpersonale.

Bolton K. H. Chau e colleghi del Department of Experimental Psychology e del FMRIB Centre dell’University of Oxford (John Radcliffe Hospital, Oxford, UK), sostengono che, mentre la comune ricerca sulla presa di decisione generalmente si basa su un modello di “decisione” tra due opzioni, il loro modello a tre variabili, fornirebbe un risultato sorprendente. Così lo esprimono: “greater difficulty choosing between two options in the presence of a third very poor, as opposed to very good, alternative”.

martedì 11 febbraio 2014

Prevedo la tua scelta con la foto del tuo cervello?

di Alberto Carrara, LC

Possiamo predire quello che sceglieremmo guardando lo scanner del nostro cervello in azione?

Sembrerebbe proprio di sì per i ricercatori della University of Texas ad Austin, UCLA (USA) (almeno in un 70% circa dei casi!) che hanno pubblicato recentemente online un articolo scientifico sulla prestigiosa rivista PNAS, Proceedings of the National Academy of Sciences intitolato: Predicting risky choices from brain activity patterns (PNAS 2014; published ahead of print February 3, 2014, doi:10.1073/pnas.1321728111).

giovedì 6 febbraio 2014

Neurofobia – 2

di Alberto Carrara, LC*

Il termine NEUROFOBIA, titolo dell’intrigante libro del neuroscienziato cognitivo Salvatore Maria Aglioti e del fisiologo Giovanni Berlucchi recentemente uscito in Italia (Collana diretta da Giulio Giorello Scienza e Idee di Raffaello Cortina Editore, Milano 2013, pp. 186, 19 pp. di bibliografia), è stato proposto come neologismo dal neurologo statunitense Jozefowicz[1] sin dal 1994.

Jozefowicz definiva la “neurofobia” come la paura verso le neuroscienze e la neurologia clinica da parte dei medici o degli studenti di medicina; paura in grado di generare una sorta di “paralisi” del pensiero, della riflessione e dell’azione.

Generalmente questo pregiudizio sorge per la difficoltà di addentrarsi in un settore così specialistico della medicina, com’è quello della neurologia e delle discipline affini riguardanti il cervello e il sistema nervoso umano.

mercoledì 5 febbraio 2014

Giornata dei Risvegli 2014

di Alberto Carrara, LC

Fissata per il 9 febbraio 2014, la Giornata Nazionale dei Risvegli, sarà preceduta, domani 6 febbraio, da una conferenza stampa alla Camera dei Deputati (ore 11:30), promossa dall’onorevole Paola Binetti e da un gruppo di colleghi.

Così ha motivato l’onorevole promotrice dell’evento: “È la seconda legislatura in cui la legge sugli stati vegetativi viene ripresentata alla Camera, senza riuscire ad ottenere tutta l'attenzione che merita. Il 9 febbraio ricorre la terza giornata dei risvegli, dedicata ai pazienti in stato vegetativo, per ricordare a tutti il valore della vita anche quando la mancanza di coscienza o lo stato di minima coscienza sembrano metterne in dubbio il valore e la piena dignità”.

Storia della neuroetica - Extra

"The Ascent: A Brief History of the Brain", così si intitola l'insolito video che vi presentiamo oggi, creato dal professor Dwayne Godwin dell'Università Wake Forest e presentato dal Brain Awareness Video Contest del 2011.

Il breve video di quasi 4 minuti, potrebbe essere considerato un vero e proprio "trailer" per un corso di neuroscienze o servito come aperitivo in una lezione di storia delle neuroscienze.
Una storia del cervello che ripercorre alcune delle più importanti scoperte e ricorda i più famosi e significativi scienziati che hanno contribuito alla moderne neuroscienze.

Un viaggio nella storia dal 1600 a.C. ad oggi. Buona visione!



Gli obiettivi del video comprendono:
- fornire un'ampia panoramica della storia delle nostre conoscenze sul cervello;
- fornire una visione globale di come i progressi tecnici e concettuali hanno portato a nuove intuizioni;
- rivelare il lato umano delle neuroscienze attraverso le citazioni dei personaggi chiave della storia del cervello e della coscienza;
- lanciare una sfida e fornire ispirazione alle nuove generazioni di neuroscienziati.

martedì 4 febbraio 2014

Google si impegna per un comitato di neuroetica?

di Riccardo Carrara

Negli ultimi mesi Google, dopo essersi impegnata nel progetto neuroscientifico anti-invecchiamento Calico, ha dato una forte accelerata ai suoi investimenti nel mondo della tecnologia dei robot e dopo l'acquisto, nel mese di dicembre, di ben 7 compagnie di robotica, grazie alle quali si è classificata al primo e secondo posto alla DARPA Robotics Challenge, si è da poco aggiudicata la DeepMind, azienda londinese di intelligenza artificiale, fondata da Demis Hassabis, Shane Legg e Mustafa Suleyman.

In questi sviluppi si inserisce il fatto che Google sembra aver decido si istituire una commissione etica per sorvegliare il suo lavoro nel campo dell'intelligenza artificiale. In realtà, BigG ha dovuto promettere che si sarebbe impegnata nella creazione di un comitato etico per le tecnologie per potersi accaparrare la società britannica DeepMind. 
Tutto questo potrebbe aprire la strada al primo vero e proprio comitato di neuroetica. Ma questo dipenderà dalle future mosse di Google.

lunedì 3 febbraio 2014

Rubrica del lunedì: Storia della neuroetica (12)

di Alberto Carrara

Oggi inizierò a presentare una serie di paradigmi di Neuroetica, scegliendo tra alcuni autori, tra i più significativi, e mettendo in evidenza come ad ogni paradigma sia associata, più o meno esplicitamente, una certa visione dell’essere umano, una specifica antropologia.

La Cueva de las Manos - Patagonia
Ogni paradigma neuroetico ha dei propri fondamenti filosofici di riferimento che emergono dall’argomentazione dell’autore e che si situano a pieno titolo sul crocevia tra ragione, scienza e fede. Si considereranno diversi approcci alla Neuroetica: da visioni chiuse alla trascendenza, che riducono tutto alla sola razionalità scientifica (empirica), a visioni “aperte” al confronto e al dialogo con quegli aspetti, come il lume della fede, che “potenziano” la razionalità umana.

domenica 2 febbraio 2014

La coscienza e il cervello di Stanislas Dehaene

di Riccardo Carrara

TITOLO: Consciousness and the Brain: Deciphering How the Brain Codes Our Thoughts

AUTORE: Stanislas Dehaene
(nato il 12 maggio 1965, è un professore al Collège de France, i suoi studi si sono concentrati su una serie di argomenti tra cui: cognizione numerica, la base neurale della lettura e i correlati neuronali della coscienza)

ANNO: 2014
EDIZIONE: Viking
LINGUA: inglese
PAGINE: 336

Le prime recensioni lo definisco “Uno sguardo mozzafiato sulla coscienza” e in effetti l’ultimo libro di Stanislas Dehaene "La Coscienza e il Cervello: decifrare come il cervello codifica i nostri pensieri" presenta una sintesi appassionata sulla storia e le evoluzioni dell’annoso problema della coscienza e una nuova teoria in merito, che vorrebbe risolvere una volte per tutte il dibattito su questa grande tematica.

sabato 1 febbraio 2014

Schizofrenia: genetica, terapia ed esperienze dei pazienti

Blue Crosses
di Riccardo Carrara

(le immagini di questo post sono tutte di artisti con diagnosi di schizofrenia: Mr. S, Bryan Charnley, Louis Wain, Ralph Albert Blakelock, )

Chi ha visto il film A Beautiful Mind, vincitore di quattro premi Oscar ed interpretato magistralmente da Russel Crowe, conosce la storia del matematico e economista americano John Nash che per circa trent’anni ha vissuto tra successi scientifici (tra i quali il riconoscimento del Nobel) e i disturbi della schizofrenia. Molti altri personaggi celebri del passato e del presente soffrono di questo disturbo mentale.

Eleanor Longden, per esempio, racconta in prima persona la sua storia ad una conferenza TED: da quando sono iniziati i primi sintomi (le voci) a come sta riuscendo a convivere e lottare contro questa patologia assai complessa. Vediamo in breve.