lunedì 30 giugno 2014

Ultimo GdN 2013-2014

Oggi al Regina Apostolorum di Roma l'ultimo incontro del Gruppo di Neurobioetica del 2013-2014

TMS nei primati

Gruppo della Duke
di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Che cos’è la TMS?

Con l’acronimo TMS si suol indicare la sigla di abbreviazione all’inglese di una metodica neurotecnologica non invasiva ampiamente utilizzata che prende il nome di Transcranial magnetic stimulation. La tecnica di stimolazione magnetica transcranica è una metodica di stimolazione elettromagnetica del tessuto cerebrale che permette, tanto lo studio dei circuiti e delle connessioni neuronali all'interno del cervello, quanto l’induzione di variazioni transitorie del comportamento soggettivo.

domenica 29 giugno 2014

La mente batte i bisturi "1:0"? – 5

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Ecco alcune tappe storiche con i relativi personaggi che riportava Repubblica dello scorso 23 giugno a pagina 23 al presentare l’articolo-intervista “Quando la mente batte il bisturi il miracolo ipnosi in sala operatoria” a firma di Michele Bocci e l’intervista di Cristina Salvagni all’esperto di ipnosi, professor Massimo Rabboni di Bergamo, intitolata “Ma per indurre la trance il rapporto col dottore deve durare da tampo”.

venerdì 27 giugno 2014

Antropología y Neurobioética

Presentazione Prezi delle lezioni del pomeriggio
Oggi pomeriggio, dalle 16:00 alle 19:00 presso il PCIMME (Pontificio Collegio Internazionale Maria Mater Ecclesiae) di Roma (via dé Francisci)  il prof. P. Alberto Carrara, LC, docente di Antropologia filosofica e Neuroetica presso la Facoltà di Filosofia dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma, Coordinatore del Gruppo di Ricerca Italiano in Neurobioetica (GdN) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani, impartirà un pomeriggio di lezioni in lingua spagnola a docenti, studenti e personale dell'Università UPAEP di Puebla (Messico). Il pomeriggio di studio sarà dedicato all'antropologia dinanzi alle sfide poste dalle ultimissime frontiere delle neuroscienze

giovedì 26 giugno 2014

Cerebrum, June 2014: The Neurobiology of Individuality


DANA Cerebrum, by Richard J. Davidson, June 03, 2014.
What processes in the brain are responsible for individuality? Mounting imaging evidence suggests that brain circuits involved in our emotional responses are highly plastic and change with experience, affecting our temperament. Moreover, new research suggests that psychological interventions can further harness brain plasticity to promote positive behavioral changes that increase resilience and well-being.

Nature Neuroscience, Neurogenomics – 4

Copertina vol. 17, n. 6, giugno 2014
di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Dopo aver presentato la copertina (ricordo che l’immagine è opera di Alexander Arguello) e aver riportato l’editoriale in lingua originale (inglese) dell’ultimo numero della rivista Nature Neuroscience dedicato alla frontiera emergente delle neuroscienze, la neurogenomica, oggi mi propongo presentarvi una sintesi dei contenuti della rivista, mentre prossimamente commenterò l’editoriale intitolato Focus on neurogenomics.

Oggigiorno, centinaia di regioni lungo il genoma vengono correlate a disordini riguardanti il cervello”....

mercoledì 25 giugno 2014

L’intelligenza degli animali? – 1

Copertina del numero di giugno 2014
di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Il grande Jean Guitton (1901-1999) nel suo Il lavoro intellettuale scriveva che «...è noto che in filosofia sono le articolazioni, gli allacciamenti i punti più istruttivi: così è quando la materia sembra emanare la vita e dall’animalità delle grandi scimmie sembra sorgere l’umanità. Nel punto d’origine si nasconde ciò che più ci interesserebbe sapere» (Roma 1970, p. 70).

Mi sembra una buona premessa all’uscita, lo scorso 28 maggio in edicola, del numero di giugno della rivista Mente&Cervello (n. 107, 28 maggio 2014) intitolato in modo alquanto significativo ed emblematico “L’intelligenza degli animali”.

UNESCO Chair in the Pisa Psychiatry: time for change 2014


UNESCO Chair Prof. P. Alberto Carrara, LC gave a plenary lecture on Neurobioethics in Psychiatry in the 7th Annual Meeting - Pisa Days of Psychiatry and Clinical Psychopharmacology. UNESCO WEB SITE

La mente batte i bisturi "1:0"? – 4

Il professor Massimo Rabboni (Bergamo)
di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Sullo stesso inserto LaScienza di Repubblica del 23 giugno a pagina 23 oltre all’articolo-intervista “Quando la mente batte il bisturi il miracolo ipnosi in sala operatoria”, Cristina Salvagni riporta l’intervista “Ma per indurre la trance il rapporto col dottore deve durare da tampo” condotta all’esperto, il professor Massimo Rabboni di Bergamo.

martedì 24 giugno 2014

UNESCO Chair Fellows in Malta


UNESCO Chair Fellows Participate in the 4th European Conference on Religion, Spirituality and Health in Malta, May 22-24th, 2014. UNESCO WEB SITE

La mente batte i bisturi "1:0"? – 3

dott. Enrico Facco (Padova)
di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Continua l’articolo “Quando la mente batte il bisturi il miracolo ipnosi in sala operatoria” di Michele Bocci (Repubblica, 23/06/2014, p. 23).

“L’ipnosi può essere più istintiva di quanto si pensi. «Tutti hanno sperimentato casi di autoipnosi, ad esempio capita di guidare la macchina per 20 chilometri sovrappensiero, tanto da non ricordarsi la strada che si è fatta». A parlare è Enrico Facco un anestesista dell’Università di Padova che l’anno scorso ha aiutato una donna allergica agli anestetici ad addormentare la parte inferiore del suo corpo per permettere al chirurgo di toglierle un tumore della pelle della gamba.

lunedì 23 giugno 2014

La mente batte i bisturi "1:0"? – 2

Come agisce l’ipnosi sul cervello?

La mente batte i bisturi "1:0"? - 1

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Quando la mente batte il bisturi il miracolo ipnosi in sala operatoria”, così titola, nella sezione “La scienza” di Repubblica quest’oggi a pagina 23. Di cosa si tratta? Quali risvolti neuroetici?

Consiglio dell'Istituto Scienza e Fede

Il Magnifico Rettore dell'Ateneo Regina Apostolorum di Roma in data 16 giugno 2014 (Prot. n. 110/'14-R) ha nominato il prof. P. Alberto Carrara, LC, componente del Consiglio dell'Istituto Scienza e Fede.








Il prof. Carrara già da alcuni anni collabora con conferenze e lezioni all'interno del programma formativo del Master in Scienza e Fede dell'Istituto che per il prossimo anno accademico 2014-2015 offre la tredicesima edizione

domenica 22 giugno 2014

Consiglio dell'Istituto di Bioetica e Diritti Umani

Il Magnifico Rettore dell'Ateneo Regina Apostolorum di Roma in data 16 giugno 2014 (Prot. n. 106/'14-R) ha nominato il prof. P. Alberto Carrara, LC, componente del Consiglio dell'Istituto di Bioetica e Diritti Umani.








Il prof. Carrara dal 2013 è Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani di Roma.

Auguri e buon lavoro. 

sabato 21 giugno 2014

Neuroetica in Psichiatria – 3

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Dopo aver introdotto l’evento e il programma del 7th Annual Meeting – Pisa Days of Psychiatry and Clinical Psychopharmacology intitolato: Psychiatry: time for change che si è svolto dal 16 al 18 giugno presso il Centro Congressi dell’Hotel Galilei a Pisa e che mi ha visto con piacere intervenire con la relazione finale sul tema “Neuroetica in Psichiatria”, continuo oggi a presentare la seconda parte della mia introduzione.

Introduzione (continua...)

Insomma, in quest’anno 2014, Anno Europeo del Cervello, ...

venerdì 20 giugno 2014

The “last” Lancet: nuovi risvolti sulla coscienza – 2

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Lo scorso 12 giugno avevo introdotto il numero di giugno di The Lancet Neurology (Vol. 13 No. 6) in cui si riprendeva in breve a pagina 544, le evidenze sperimentali, pubblicate poco meno di due mesi fa, in un articolo del 16 aprile, relative agli ultimi dati della ricerca neuroscientifica relativa ai cosiddetti “stati alterati di coscienza”.

L’articolo Diagnostic precision of PET imaging and functional MRI in disorders of consciousness: a clinical validation study, firmato dal gruppo di ricercatori di uno dei “guru” nel settore, mi riferisco al dottor Steven Laureys, continua ad approfondire una delle tematiche di frontiera della riflessione neurobioetica: quella riferita alla coscienza. Alla fine del post introduttivo mi chiedevo quali fossero queste ultime novità.

giovedì 19 giugno 2014

Neuroetica in Psichiatria - 2

Iniziamo a pubblicare una sintesi dell'intervento Neuroetica in Psichiatria del prof. P. Alberto Carrara, LC, direttore di questo blog, al 7th Annual Meeting – June 16-18, 2014 Pisa Days of Psychiatry and Clinical Psychopharmacology intitolato: Psychiatry: time for changeMercoledì 18 giugno 2014, ore 18:00 - Hotel Galilei – Pisa. 

Introduzione

È un piacere partecipare in questo importante evento annuale delle giornate pisane di psichiatria e psicofarmacologia clinica, quale Coordinatore del Gruppo di Ricerca Italiano in Neurobioetica e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani, oltre che come docente di Antropologia filosofica e Neuroetica.  

Ringrazio gli organizzatori, il board scientifico, in particolare la professoressa Liliana Dell’Osso, il professor Giovanni Cioni e colei che è stata il “ponte” alla mia presenza di questo pomeriggio, la dottoressa Donatella Marazziti.

Oggigiorno, centinaia di regioni lungo il genoma vengono correlate a disordini riguardanti il cervello”. 

mercoledì 18 giugno 2014

Neuroetica in Psichiatria - 1

Presentazione Prezi
di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Nei giorni scorsi ho presentato il 7th Annual Meeting – Pisa Days of Psychiatry and Clinical Psychopharmacology intitolato: Psychiatry: time for change che si sta svolgendo presso l’Hotel Galilei a Pisa da lunedì scorso. Quest’oggi avrò il piacere di intervenire con una relazione sul tema “Neuroetica in Psichiatria”, ore 18:00. Sarà l’ultimo intervento dell’evento.

Nei prossimi giorni riporterò una sintesi dell’argomento. 

martedì 17 giugno 2014

Psychiatry: time for change – 3

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Ieri abbiamo pubblicato il comunicato stampa d’apertura del 7th Annual Meeting – Pisa Days of Psychiatry and Clinical Psychopharmacology intitolato: Psychiatry: time for change che si sta svolgendo presso l’Hotel Galilei a Pisa e che si concluderà nella serata di mercoledì 18 giugno e mi vedrà partecipare domani alle 18:00 con una relazione sul tema della “Neuroetica in Psichiatria”.

Al ricevere il programma definitivo dagli organizzatori, tra cui ringrazio in modo particolare la dottoressa Donatella Marazziti, conosciuta lo scorso novembre a LaHabana (Cuba) in occasione del congresso internazionale NEUPSYCO 2013, dicevo, ricevendo il programma mi sono soffermato sul testo di una paginetta che la professoressa Liliana Dell’Osso, Professore Ordinario di Psichiatria dell’Università di Pisa e Direttore dell’Unità Operativa di Psichiatria dell’AOUP, ha voluto inserire quale introduzione e “cornice” dell’evento.

lunedì 16 giugno 2014

Psychiatry: time for change – 2

Pubblichiamo il comunicato stampa che è stato diffuso sull’apertura del 7th Annual Meeting – Pisa Days of Psychiatry and Clinical Psychopharmacology intitolato: Psychiatry: time for change che si è aperto quest’oggi pomeriggio presso l’Hotel Galilei a Pisa e che si concluderà nella serata di mercoledì 18 giugno.

"Cambiamento: parola d’ordine delle Giornate che consacrano Pisa capitale della Psichiatria. Domani ALLE 9 l’apertura dell’importante evento medico-scientifico presieduto dai professori Liliana Dell’Osso e Giovanni Cioni.

Diagnosi precoce, è la sfida per i bambini. Nuovi disturbi, nuove tecnologie e nuove cure: si parlerà tra l’altro dei nuovi farmaci anti-alcol, dei lutti traumatici, gli effetti neuropsichiatrici di Chernobyl e quelli del terremoto in Abruzzo, le novità sull’autismo e si siederà sul “lettino” Wolfang Amedeus Mozart.

Psychiatry: time for change, Pisa 16-18 June

Si apre questo pomeriggio il 7th Annual Meeting - Pisa Days of Psychiatry and Clinical Psychopharmacology intitolato: Psychiatry: time for change che si terrà dal 16 al 18 giugno a Pisa, presso l'Hotel Galilei.

Segnaliamo che il direttore di questo portale dedicato alla Neuroetica e alle Neuroscienze, il prof. P. Alberto Carrara, LC, professore di Antropologia filosofica e Neuroetica presso la Facoltà di Filosofia dell'Ateneo Regina Apostolorum, Coordinatore del Gruppo di Ricerca Italiano in Neurobioetica (GdN) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani di Roma, interverrà in questo evento con una relazione intitolata: Neuroetica in PsichiatriaL'intervento del prof. Carrara è previsto per mercoledì 18 giugno alle ore 18:00

Di seguito il programma di quest'oggi. Presenteremo più a fondo queste "giornate pisane di psichiatria e farmacologia clinica" nei prossimi post. 

domenica 15 giugno 2014

Il direttore di N&N incontra Papa Francesco


Il prof. P. Alberto Carrara, LC, direttore di N&N - Neuroetica e Neuroscienze, Coordinatore del Gruppo Italiano di Ricerca in Neurobioetica (GdN) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani ha incontrato lo scorso 6 giugno 2014 Papa Francesco.

Nature Neuroscience, Neurogenomics – 3

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Here is Nature Neuroscience Neurogenomics’ Editorial that I am going to comment in the next weeks.

EDITORIAL – Focus on neurogenomics
Nature Neuroscience 17, 745 (2014) 
doi:10.1038/nn.3735 
Published online  27 May 2014

"Nature Neuroscience presents a series of Perspectives and Reviews highlighting recent advances in understanding the genetics of complex brain disorders.......

sabato 14 giugno 2014

Nature Neuroscience, Neurogenomics – 2

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani


Ho presentato nell’ultimo post di oggi la cover dell’ultimo numero della rivista Nature Neuroscience dedicato alla frontiera emergente delle neuroscienze, la neurogenomica. La spiegazione della copertina che raffigura una sezione dell’intero cervello umano in cui risaltano, oltre alle circonvoluzioni cerebrali, le lettere del sequenziatore genetico “TTCTA...”, le nostre basi azotate del DNA.

Ed è proprio il genoma, “vecchio” protagonista delle scorse decadi, a tornare alla ribalta, oggi associato al “nuovo” protagonista imperante della scienza medica contemporanea: il cervello.

giovedì 12 giugno 2014

The “last” Lancet: nuovi risvolti sulla coscienza – 1

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

L’ultimo numero di giugno di The Lancet Neurology (Vol. 13 No. 6) riprende in breve a pagina 544, le evidenze sperimentali pubblicate poco meno di due mesi fa sulla stessa rivista in un articolo del 16 aprile condotto dal gruppo di ricerca di uno dei “guru” della ricerca neuroscientifica relativa ai cosiddetti “stati alterati di coscienza”.

Si tratta dell’articolo Diagnostic precision of PET imaging and functional MRI in disorders of consciousness: a clinical validation study di Steven Laureys e collaboratori che nei prossimi giorni presenterò su questo blog dedicato alla Neuroetica e alle Neuroscienze.

Cervello maschile e femminile, il neurochirurgo chiarisce

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Ieri parlavamo del “Convegno in onore della ricerca scientifica 2014” promosso in Campidoglio dalla Fondazione Atena Onlus in collaborazione con il Comune di Roma e l’Università del Sacro Cuore nel quale si è tenuta una  tavola rotonda sul «Women’s Brain», cioè sul “cervello della donna”. Oggi vorrei riprendere l’intervista che Anna Pelleri ha diretto all’amico neurochirurgo Massimo Gandolfini e che è stata pubblicata lunedì scorso 9 giugno sul portale Aleteia e che ben si situa all'interno della neurobioetica della differenza sessuata umana.

Il titolo è emblematico: Gender: il cervello è maschio o femmina. Il neurochirurgo Massimo Gandolfini chiarisce alcuni aspetti dell’ormai nota questione gender”.

mercoledì 11 giugno 2014

Il cervello della donna: tavola rotonda a Roma

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Oggi pomeriggio in Campidoglio si svolge il “Convegno in onore della ricerca scientifica 2014” in cui si terrà anche una tavola rotonda sul “cervello della donna”.

Ecco la sintesi della giornata tratta dal sito ufficiale dell’ente promotore di questo evento che sarà presentato da Milly Carlucci: «La Fondazione Atena Onlus organizza in collaborazione con il Comune di Roma e l’Università del Sacro Cuore una manifestazione in onore della Ricerca Scientifica che si svolgerà, in Campidoglio presso la Sala della Protomoteca il giorno 11 giugno 2014 alle ore 17.00.

martedì 10 giugno 2014

RoboCop: non più così inverosimile

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

L’altro giorno ho visto il nuovo remake del film RoboCop. Nonostante siano trascorse quasi tre decadi dal primo debutto avvenuto nel 1987, il nuovissimo “RoboCop 2014” pare avere tutti i tratti caratteristici di un neuro-film molto più realista e in sintonia con le più avanzate ricerche neuroscientifiche e neurotecnologiche applicate all’essere umano. È proprio così?

lunedì 9 giugno 2014

Parkinson: nuove frontiere – 1

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

«Un giorno di molti anni fa ho incontrato il Male: sembrava poca cosa, appena un leggero impaccio alla mano. E invece... malattia di Parkinson giovanile. Avevo trentasei anni e trentanove al momento della diagnosi. Ho “dato fuori di matto” e ho fatto un mucchio di sciocchezze – proprio non ne volevo sapere!», così introduce il suo libro autobiografico Ogni giorno vale una vita. Come vivo con il Parkinson scoprendo la gioia di essere al mondo (Mondadori, Milano 2013) Lucilla Bossi, presidente della Confederazione Parkinson Italia che da anni vive e lotta la sua battaglia per la vita e che ho la fortuna e il privilegio di conoscere personalmente.

Bastano due parole: Morbo di Parkinson per suscitare uno scompiglio emozionale, frutto, spesso, come afferma Lucilla, di tanti luoghi comuni. Di cosa si tratta? Quali sono le ultime frontiere della ricerca su questo fronte?

giovedì 5 giugno 2014

Neuro-pornografia: effetti cerebrali delle dipendenze - 1

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Troppo Porno riduce il cervello! Così titolava l’altro giorno un portale italiano riprendendo la notizia di uno studio neuroscientifico condotto da un gruppo di ricerca del prestigioso Max Planck Institute for Human Development di Berlino (Germania).

Di cosa si tratta?

JAMA Psychiatry, nota rivista scientifica, ha pubblicato online il 28 maggio  uno studio firmato da  Simone Kühn, PhD e Jürgen Gallinat, PhD, rispettivamente affiliati al Max Planck Institute for Human Development, Center for Lifespan Psychology, alla Clinic for Psychiatry and Psychotherapy, Charité University Medicine, St Hedwig-Krankenhaus, istituzioni di ricerca tedesche con sede a Berlino e alla University Clinic Hamburg-Eppendorf, Clinic and Policlinic for Psychiatry and Psychotherapy di Amburgo (doi:10.1001/jamapsychiatry.2014.93). JAMA è l’abbreviazione di The Journal of the American Medical Association.

martedì 3 giugno 2014

Dennett: 77 strumenti per pensare

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e 
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

È uno dei massimi filosofi della mente attualmente viventi. È nato a Boston il 28 marzo del 1942, è filosofo e logico, appassionato studioso della mente umana e di quell’enigma che è la coscienza; è docente di filosofia e direttore del Centro per gli Studi Cognitivi della Tufts University. Ha frequentato Harvard e Oxford, è stato allievo di Gilbert Ryle e Willard Van Orman Quine, ha insegnato all’Università della California, a Pittsburgh, a Oxford e alla École Normale Supérieure di Parigi.

Nelle sue ultime ricerche si occupa di coscienza, filosofia della mente e intelligenza artificiale. È noto per aver creato il concetto di sistema intenzionale, oltre che per i suoi contributi alle fondamenta concettuali della biologia evoluzionistica.

Si potrebbero scrivere pagine e pagine per presentare Daniel Clement Dennett.

lunedì 2 giugno 2014

Genio in 7 giorni? - 1

“Farmaci intelligenti” per cervelli svogliati? - 1

di Alberto Carrara, LC
Coordinatore del Gruppo di Neurobioetica (GdN) e 
Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani

Martedì 28 gennaio su questo portale, pubblicavamo l’intervista allo psichiatra italiano Vito Antonio Amodio sul cosiddetto “neuro-enhancementfarmacologico”. Di cosa si tratta? Ci viene in aiuto un recentissimo saggio online. Proprio il 30 maggio l’opinionista Zaheera Shabbir, junio presso il  SUNY Binghamton (Binghamton University, State University of New York), ha pubblicato sul portale NeuroscienceNews un interessante articolo d’opinione su questo tema.

Il titolo originale, The Race to the Top: The Use of ‘Smart Drugs’ to Excel in Academia and in the Professional World, sottolinea che è in corso una sorta di competizione, sia in ambito accademico (specialmente tra i giovani universitari), come in quello lavorativo, per potenziare al massimo le proprie capacità cognitive. Si parla di “Smart Drugs”, in italiano potremmo chiamarli “farmaci intelligenti” o “farmaci svegli”.

domenica 1 giugno 2014

Neuroscience News e l'aggiornamento neuroscientifico


Il portale Neuroscience News, che raccomandiamo, è un valido strumento di aggiornamento in ambito degli sviluppi delle neuroscienze. I dati empirici sono il fondamento della successiva riflessione antropologica su quel mistero che è l'essere umano, la sua coscienza, la sua libertà,... è possibile seguire gli aggiornamenti tramite il sistema Google Plus (G+).