domenica 30 luglio 2017

Immortalità: potremmo raggiungerla entro il 2045?



Eccellente video dell' Inspiegabile che riassume in poco meno di 10 minuti il progetto 2045, una delle iniziative transumaniste più rilevanti dei nostri tempi. Dal canale YouTube si legge: "Il tema dell’immortalità è presente nelle nostre menti da tempi immemorabili. Saremo capaci di raggiungerla grazie alla tecnologia? 2045 Initative è un progetto che ha come obiettivo quello di raggiungere l’immortalità entro questa data. L’argomento può sollevare molte questioni, anche a livello etico e morale, ma c’è un team i scienziati che ci sta lavorando da parecchio tempo. L’immortalità al giorno d’oggi potrebbe essere possibile?"...
Dal 29 settembre 2017, il GdN, Gruppo di ricerca interdisciplinare in Neurobioetica si occuperà di questo progetto e della sua primissima fase: il cosiddetto "trapianto di testa"! 

venerdì 28 luglio 2017

Video. De la Bioética a la Neurobioética: La revolución neurocientífica


Video YouTube de la ponencia que ha impartido hoy el Prof. Dr. P. Alberto Carrara, LC en el curso Cristianismo y Cultura. 

De la Bioética a la Neurobioética: La revolución neurocientífica

Hoy, viernes 28 de julio de 2017, de 9:00 a 10:30, Prof. Dr. P. Alberto Carrara, LC, profesor de Antropología filosófica y Neurobioética en el Ateneo Pontificio Regina Apostolorum de Roma, Coordinador del Grupo de Investigación en Neurobioética (GdN), y Fellow de la Cátedra UNESCO en Bioética y Derechos Humanos, impartió unas conferencias De la Bioética a la Neurobioética: La revolución neurocientífica a acádemicos de la Red de Universidades Anáhuac dentro del curso de verano Cristianismo y Cultura (3 créditos ECTS; 24 de julio – 2 de agosto).

El profesor Carrara presentó, de manera sintetica, el desarrollo de la reflexión interdisciplinar acerca de la aplicación al ser humano de los hallazgos neuro-científicos y neuro-tecnológicos, la así llamada neurobioética. Se puede visionar la presentación en Prezi que dibujó y utilizó el profesor Carrara dándole AQUÍ. A seguir el esquema de las ponencias del Prof. Carrara. El video completo se publicará a seguir.  

martedì 18 luglio 2017

L’ultimo manuale di neuroetica esce domani

di Alberto Carrara

Pubblicato dall’editoriale Routledge (© 2018), curato da due donne, la filosofa e bioeticista L. Syd M Johnson e la neuroscienziata e neuroeticista del NIH Karen S. Rommelfanger, uscirà domani in forma cartacea l’ultimo manuale di neuroetica: The Routledge Handbook of Neuroethics. Le 510 pagine del volume attestano questo nuovo sforzo interdisciplinare di riflessione sull’applicazione all’essere umano delle ricerche neuroscientifiche e delle neuro-tecnologie e delle correlative interpretazioni antropologiche ed etiche che è la neuroetica o neurobioetica. 32 capitoli, suddivisi in 4 sezioni o parti, a cui hanno collaborato 61 autori, tra i quali, l’amico e collega Walter Glannon (che ha curato il 21° capitolo dedicato alla tematica del libero arbitrio e gli impianti cerebrali).
Quest’ultimo manuale segue e si aggiunge alla trilogia che va da Neuroethics: defining the issues in theory, practice, and policy (2006, Oxford University Press) curato da Judy Illes; al The Oxford Handbook of Neuroethics (2011, Oxford University Press) curato dalla stessa Judy Illes e Barbara J. Sahakian; sino allo Springer Handbook of Neuroethics (2014, in 3 volumi, 1850 pagine suddivise in 23 sezioni, 117 capitoli!).

The Routledge Handbook of Neuroethics vuol offrire, al lettore esperto e non, una visione globale e ben fondata sulle modalità con cui le scienze riguardanti il cervello umano, le neuroscienze, si interfacciano per cercare di gettar luce e aumentare la comprensione delle questioni filosofiche ed antropologiche più pregnanti: cos’è la coscienza? esiste il libero arbitrio? … chi siamo? 

lunedì 17 luglio 2017

Transhumanismo: el Padre Carrara hoy en el PCIMME

Hoy en el Pontificio Colegio Internacional Maria Mater Ecclesiae (PCIMME) en Roma, el profesor P. Alberto Carrara, LC ha impartido unas conferencias sobre el transhumanismo a los jovenes del curso internacional de formadores del Regnum Christi, el IFC2017. A seguir una sintesis. La presentacion PREZI es disponible aqui.

El mundo contemporáneo se caracteriza por tener un magnífico conjunto de conocimientos científicos, responsables por el desarrollo de la tecnología médica que diseminan por todas las latitudes del planeta y se incorporan, de modo prácticamente insustituible, a la cotidianidad del ser humano. 

En ninguna otra época de la historia el hombre fue capaz de acumular tanto conocimiento, lo que ha causado el surgimiento de nuevas disciplinas y ciencias, entre las que destacan la robótica y las neurociencias, capaces de posponer y redefinir el instante de la muerte gracias al control técnico del “evento” y de intervenir en la constitución física del cuerpo humano. 

lunedì 10 luglio 2017

Elon Musk al Corriere della Sera: ecco il (post)umano di domani!

Massimo Sideri sul Corriere della Sera di quest'oggi titola: Futuri possibili "Il domani secondo Elon Musk: centenari e in vacanza su Marte" L’imprenditore che ha creato Tesla e che ha appena lanciato l’idea di una centrale a pile ha una “vision” ai limiti della fantascienza e che prevede una “app” nel cervello. L'interessante articolo inzia presentando in poche battute una sintesi degli scenari post e transumani di oggi: "Possibilmente centenario, un po’ «marziano», all’occorrenza alimentato a batteria, se necessario pronto a fare l’uomo-talpa e con il cervello che si può scaricare su una chiavetta Usb o su una nuvola informatica con un download per combattere contro l’intelligenza artificiale. Si parla spesso di Elon Musk come di un visionario. Ecco come sarebbero i nostri figli (o nipoti) se si dovessero realizzare i suoi progetti, sempre in bilico tra scienza e fantascienza, tra opportuno e inopportuno...". Continua a leggere l'articolo qui.

Radio Vaticana: L’intelligenza artificiale: sfida etica?

Lo scorso 6 luglio si è svolto l'incontro “L’intelligenza artificiale: sfida etica?” presso l’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede a Roma, promosso dal Pontificio Consiglio della Cultura, che ha visto riuniti filosofi, scienziati e docenti universitari attorno alla tematica neuroetica emergente dell'intelligenza artificiale. Ecco la sintesi e le interviste curate da Radio Vaticana. Clicca qui per le interviste al Cardinal Gianfranco Ravasi e a Padre Paolo Benati

giovedì 6 luglio 2017

Intelligenza Artificiale: una sfida etica?

Questo pomeriggio, in rappresentanza del Magnifico Rettore dell'APRA (Ateneo Pontificio Regina Apostolorum) di Roma, il prof. P. Alberto Carrara, LC, coordinatore del GdN, parteciperà a questo incontro del Cortile dei Gentili dedicato alle emergenti sfide della tecnologia e delle neuroscienze. Info

Homo Sapiens 2.0: genetica, neurobioetica e postumano

La Neuroetica ha festeggiato quest’anno (2017) i suoi 15 anni di “vita”! Ne parlerà questa mattina dalle 11 alle 13:00 al Corso Estivo di Introduzione alla Bioetica organizzato dalla Facoltà di Bioetica dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum il prof. P. Alberto Carrara, LC, coordinatore del GdN (Gruppo di Neurobioetica) e Fellow della Cattedra UNESCO in Bioetica e Diritti Umani. La lezione dal titolo Homo Sapiens 2.0: genetica, neurobioetica e postumano si struttura in due periodi sintetici:
  • nel primo, il prof. Carrara esporrà il passaggio dalla bioetica alla neuroetica (PREZI NEUROBIOETICA),

  • nel secondo, verrà presentato il postumanismo e, in particolare, il movimento transumanista 2045 (PREZI TRANSUMANO). 

mercoledì 5 luglio 2017

Brain Wiring, ecco le ultimissime immagini!

La rappresentazione del connettoma umano più raffinata prodotta da un gruppo di neuroscienziati dell'Università di Cardiff. In esclusiva per la BBC ecco il video...

martedì 4 luglio 2017

Neuroetica: la prima bibliografia globale è a disposizione!

di Alberto Carrara

Nel 2014, il neurobioeticista americano James Giordano, pubblicava sulla rivista Philosophy, Ethics, and Humanities in Medicine il primo articolo - di 4 annunciati e pubblicati annualmente - relativo alla bibliografia di quel "nuovo" campo di riflessione interdisciplinare sulle neuroscienze e sulle sue interpretazioni che è la neuroetica
Da poco è stato pubblicato l'ultimo, cioè la quarta parte di un esteso lavoro di ricerca e classificazione bibliografica. Ringraziamo il prof. Giordano e i suoi collaboratori per fornire, a noi ricercatori, questo prezioso strumento. 

Il primo articolo, intitolato A four-part working bibliography of neuroethics: part 1: overview and reviews--defining and describing the field and its practices (2014), inquadrava l'ambito della neuroetica distinguendo le due tradizioni o le due principali suddivisioni proposte dalla filosofa e neuroscienziata Adina Roskies nel 2002 e presentava gli articoli, i libri e i capitoli di libri - a livello internazionale - che si erano dedicati a presentare, definire, articolare che cos'è (natura) la neuroetica e di cosa si occupa. 

La seconda parte (2015), A four-part working bibliography of neuroethics: part 2--Neuroscientific studies of morality and ethics, si è concentrata alla ricerca bibliografica relativa alle cosiddette "neuroscienze dell'etica", quegli studi sulle basi neurofisiologiche coinvolte nelle dinamiche cognitive, volitive, tendenziali che influiscono sul comportamento morale dell'essere umano. 

La terza parte (2016), A four-part working bibliography of neuroethics: part 3 - "second tradition neuroethics" - ethical issues in neuroscience, si riferisce alla cosidetta "seconda tradizione" nell'ambito della neuroetica e, in particolare, alla cosiddetta "etica delle neuroscienze", la seconda linea delineata dalla Roskies e che propriamente farebbe della neuroetica un nuovo contesto scientifico di riflessione. 

Infine, l'ultimo giorno di maggio di quest'anno (2017) è uscita la quarta e ultima parte, A four-part working bibliography of neuroethics: Part 4 - Ethical issues in clinical and social applications of neuroscience, nella quale viene ricompilata la bibliografia internazionale riguardante le applicazioni degli studi neuroscientifici alla clinica e agli aspetti sociali. Tra questi il dibattito tra cura e potenziamento, le cure palliative, gli aspetti educativi, le neuroscienze in ambito forense (neurodiritto), quelle in ambito politico, sino agli scenari tran e post umanistici